BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BLOOPERS/ Un errore nel calendario dei Gormiti, il calzino bucato di Morgan Freeman, le incongruenze di Star Trek

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Una scena di Million Dollar Baby  Una scena di Million Dollar Baby

La moda di anticipare le festività comincia un po' a scocciarmi, sì? Sai che oggi sono andata al super e fra un barattolo di Nutella e una confezione di Ciocorì c'erano già le uova di Pasqua dei Gormiti? Ho qualche dubbio che si siano un po' sbagliati nel calcolo delle equivalenze del calendario di Gorm con quello italiano, ma manca lo stesso più di un mese e mezzo e la cosa mi intristisce un pochetto...

 

Vabbè che alla fine non mi pare stessi seguendo una particolare dieta salutista, no, comprando la Nutella e il Ciocorì?

 

Ti stai già organizzando per Pasqua, a proposito? Io pensavo di comprarmi quegli stampini per fare le uova in casa, per metterci la sorpresa personalizzata. Non sarà più difficile che fare il pane in casa, no? Almeno il cioccolato non triplica per lievitazione... Comunque, bando alle ciance pasqualizie e vediamo che ci dice oggi il nostro palinsesto... Oh, lo sai che oggi è anche il compleanno del mio cantante preferito?

 

Bedrich Smetana (n 1824 – m 1884)? Non era un cantante. Comunque, whatever…

 

Cosa vuol dire, che non te ne cale alcunché? INSENSIBILE! Comunque, “Million Dollar Baby”, alle 21 su RaiMovie. Film splendido, punto. Scena con Morgan Freeman che legge con i piedi appoggiati alla scrivania. La prima inquadratura riprende Morgan dal lato sinistro con Clint sullo sfondo, davanti la porta. Si vede chiaramente che il calzino di Morgan è bucato sull'alluce (il dito esce dal calzino). L'inquadratura cambia e prende la soggettiva di Clint: il buco non si vede. Dopo un altro cambio di inquadratura c'è un primo piano (con la prospettiva di Clint) del calzino: il buco si vede nuovamente ed infatti è motivo di discussione tra i due.

 

Oh, oh, ho finalmente l’occasione per vomitare tutto il mio odio per J.J. Abrams e il suo osceno “Star Trek” (Italia 1, 21.10). Un reboot di Star Trek è eresia! Capito? ERESIA! Mi ricompongo. L’errore principale è l’esistenza di un tale film, ma se vogliamo entrare nel particolare: nella sequenza iniziale, quando la USS Kelvin si avvicina all'anomalia gravitazionale, una delle voci di sottofondo in plancia chiede alla radio: “Ripeto, potrebbe essere Klingon?”; gli viene risposto "Negativo, siete a 75000 km dallo spazio Klingon".



  PAG. SUCC. >