BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Emmeciquadro n° 55

SCIENZAEVENTI/ La «Bottega di Scienza & Scienze» e i Cristalli - Convegno Nazionale di DIESSE – Bologna, 18 ottobre 2014

Dino Aquilano, cristallografo dell’Università di Torino, durante la Bottega della Scienza ha mostrato la rilevanza scientifica di alcune scoperte, in un significativo percorso storico.

Il logo dell'Associazione DIESSEIl logo dell'Associazione DIESSE

Durante il Convegno Nazionale di DIESSE (Bologna - 18 ottobre 2014) nella sezione Le botteghe dell’insegnare, la bottega della Scienza ha avuto come ospite il professor Dino Aquilano, dell’Università degli Studi di Torino, esperto di cristallografia. La scelta è caduta su di lui in quanto il 2014 è stato proclamato Anno Internazionale della Cristallografia.
Ai docenti di discipline scientifiche di diversi ordini di scuola presenti, ha mostrato, in un affascinante percorso storico attraverso due secoli, la rilevanza scientifica delle scoperte avvenute in questo settore che oltretutto hanno avuto numerose ricadute positive su diversi ambiti tecnico-scientifici: per fare alcuni esempi, si è aperta la possibilità di conoscere la struttura della neve, delle proteine e del DNA in ambito biologico e chimico, di costruire semi-conduttori in ambito elettronico, di cristallizzare farmaci in ambito medico, di realizzare laser e radar.
Tale percorso è stato scandito in quattro fasi, ognuna contraddistinta da un protagonista che ha contribuito più di altri a conoscere la struttura dei cristalli.
La prima fase è inaugurata dal francese René Just Haüy (1784): osservando che dalla sfaldatura successiva di cristalli di calcite nascevano frammenti di taglia sempre più piccoli la cui forma era identica a quella del cristallo originale, Haüy intuì che un cristallo è costituito da una forma solida precisa che si ripete nelle tre direzioni dello spazio in maniera periodica per multipli interi, secondo un numero limitato di disposizioni.
La vera e propria costruzione teorica del modello matematico – seconda tappa – avvenne grazie a Auguste Bravais (1849) che descrisse le quattordici possibili disposizioni di punti nello spazio per formare celle elementari di una struttura cristallina nei sistemi tridimensionali.
[A sinistra: Max von Laue (1879 – 1960)]
Quando già erano ben noti i fenomeni di diffrazione e interferenza della luce e la legge di Planck – terza tappa – Max von Laue (1912) potè verificare sperimentalmente le ipotesi di Haüy utilizzando una radiazione X (generata da un fascio di elettroni accelerati contro un campione di metallo) che potesse (presumibilmente) interferire con lo stato cristallino (fenomeno di diffrazione). In effetti si constatò che gli angoli di riflessione della radiazione assumevano solo valori discreti. Questo fatto era ben spiegato dal fatto che alla distanza tra i piani reticolari potevano essere attribuiti solo valori discreti come aveva ipotizzato Haüy.
Infine l’ultima tappa: l’approccio atomistico della struttura cristallina portò Ivan Stranski (1928) e Kaishew (1930-1940), e in seguito Allen Frank (1951) a conoscere il meccanismo della crescita dei cristalli e a riprodurlo in laboratorio.
Il dibattito che è seguito ha permesso di chiarire cosa significhi insegnare effettuando un percorso di conoscenza che non si limiti riduttivisticamente a impartire nozioni. La possibilità di intraprenderlo implica un approccio stupito e impegnato prima di tutto da parte del docente.
Solo in questo modo anche gli studenti saranno in grado di coinvolgersi con tutta la propria ragione e libertà. Anche quando occorre semplificare per adeguarsi alla categorialità degli studenti, bisogna stare attenti a non ridurre i concetti, andando piuttosto all’essenziale in riferimento alle esperienze più comuni della vita quotidiana.