BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TRATTO SUPER PONTINA/ Boitani (Cattolica): ecco perchè il collegamento va fatto

Pubblicazione:

foto Infophoto  foto Infophoto

Deve ancora vedere la luce ma già scalda gli animi di comitati di cittadini e di ambientalisti. Anzi. Per ora è stato fatto il bando ma non è ancora dato sapere quale sarà la ditta che si occuperà dei lavori. Stiamo parlando della “Super Pontina” che comprenderà il viadotto di 16 chilometri della A12- Tor dè Cenci, motivo del contendere. I numeri sono già tutti noti e parlano chiaro: 500 milioni il costo totale dell'opera, 45 milioni solo per la progettazione, 15mila le auto che ogni giorno percorreranno quel tratto di strada.

Per ora sei aziende hanno aderito al bando preliminare indetto per costruzione della mini autostrada. La costruzione del tratto di bretella dovrebbe far parte di progetto più ampio da 2,8 miliardi di euro, di cui il 40% pubblici e che prevede la realizzazione di 99 chilometri di autostrada sino a Latina compresi i 31,5 chilometri della Cisterna- Valmontone, oltre a 46,2 chilometri di viabilità secondaria.

Il movimento “No Corridoio”, presieduto da Gualtiero Alunni ha manifestato contro l'opera a piazza Porta Pia, presso il ministero delle Infrastrutture. Insieme al movimento di Alunni, sono scesi in piazza esponenti di Legambiente e di alcuni comitati che si battono per la difesa dell’ambiente. Partendo dal presupposto che l’opera che Governo e Regione vorrebbero costruire rappresenta un danno per l’economia di quelle aziende agricole che sorgono sui terreni che dovrebbero essere interessati dal progetto, a preoccupare maggiormente gli ecologisti è la salvaguardia dell’ambiente, minacciato dallo sventramento del Parco Regionale di Decima-Malafede, e dall’impatto che il cantiere e l’opera avrebbero sull'area golenare del Tevere e sulla Riserva Statale del litorale Romano. La proposta degli ecologisti è quella di creare un sistema di trasporto compatibile, che incentivi il mezzo pubblico, da riorganizzare lungo la Via Pontina attraverso, magari, la costruzione di una metropolitana leggera Roma-Pomezia-Ardea, il raddoppio del binario linea Nettuno-Roma e il ripristino delle corse sulla linea ferroviaria Roma-Latina.

“Certe convinzioni dei verdi italiani, dice Andrea Boitani, Professore ordinario della Facoltà di Scienze bancarie, finanziarie ed assicurative all'Università Cattolica di Milano, sono a dir poco limitate. 



  PAG. SUCC. >