BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  
Il mercante di Venezia

Normalmente si affronta l’argomento finanza-economia o con un rifiuto totale o con l’intima convinzione che sia il regno dell’ingiustizia e dell’inganno. Invece come ogni altro aspetto della società è un ambito dove si lavora e si lotta e dove si incide in modo determinante sulla vita e il benessere di ciascuno. La rubrica “il mercante di Venezia” partendo da questi presupposti non farà altro che approfondire i fatti di maggiore attualità cercando di individuare le ragioni e le dinamiche che li provocano.


MEDIASET/ I rumor su Sky e la partita già persa dall'Italia

SABATO 18 FEBBRAIO 2017 Secondo le ultime indiscrezioni si sarebbero riaperte le comunicazioni tra Mediaset e Sky per la cessione di Mediaset Premium. Il commento di PAOLO ANNONI

17/02/2017

PIL E LAVORO/ Le batoste "made in Ue" sull'Italia

Paolo Annoni

Secondo Lorenzo Bini Smaghi non si può accusare l’Europa se l’Italia non cresce. Per PAOLO ANNONI le cose non stanno però totalmente così. E ci spiega i motivi

08/02/2017

ITALIA FUORI DALL'EURO/ I conti sbagliati sull'Italexit

Paolo Annoni

Ieri in un’intervista concessa a La Repubblica il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, è intervenuto su euro ed Europa. Il commento di PAOLO ANNONI

07/02/2017

BORSA & FINANZA/ Ecco perché lo spread ha sfondato quota 200

Paolo Annoni

Ieri, mentre la Borsa italiana cede oltre il 2%, lo spread tra Btp e Bund saliva oltre quota 200, raggiungendo un livello che non si vedeva dal 2014. Il commento di PAOLO ANNONI

04/02/2017

GENERALI E UNICREDIT/ I "saldi" italiani nel silenzio della politica

Paolo Annoni

Generali, nonostante il passo indietro di Intesa resta una possibile preda, così come Unicredit, che deve affrontare un aumento di capitale importante. Il commento di PAOLO ANNONI

01/02/2017

BORSA & SPREAD/ Così l'Italia può evitare un nuovo tracollo

Paolo Annoni

La Borsa italiana è scesa anche ieri e lo spread continua a salire. Per PAOLO ANNONI è segno di una debolezza del Paese che rischia di acuirsi ancora di più nei prossimi mesi