BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  
Neminem Laedere

NEMINEM LAEDERE - non danneggiare alcuno - è l’espressione del diritto romano che sanciva il principio di convivenza civile la cui violazione determina responsabilità. La complessità crescente della società amplifica ed estende la validità del principio dal campo giuridico a quello dell’organizzazione dei rapporti, non solo contrattuali, fra i diversi attori economici. La corporate governance delle grandi aziende, oggi, deve prendere atto della pluralità di interessi portati da soggetti, diversi dai soci di controllo e dai manager. Questi stakeholder subiscono le conseguenze delle scelte aziendali senza averne avuto piena conoscenza e senza possibilità di contribuire alla loro definizione . L’adesione concreta all’antico principio fornisce un codice di condotta di semplice applicazione ma di forte impatto, soprattutto nell’attuale congiuntura.


FINANZA/ I dubbi ancora irrisolti sui derivati del Tesoro

GIOVEDÌ 22 SETTEMBRE 2016 Continuano le indagini riguardanti i derivati stipulati dal Tesoro italiano con Morgan Stanley. Ma restano ancora alcuni punti da chiarire, come ricorda GIANFRANCO D’ATRI

21/08/2016

SPILLO/ Banche e derivati, perché in Italia non interessa la verità?

Gianfranco D'Atri

Mentre negli Stati Uniti le grandi banche d’affari vengono multate, in Italia sembra quasi impossibile provare a indagare su di loro, dice GIANFRANCO D’ATRI

10/08/2016

MPS/ Le manovre di "amichetti" e "furbetti" sulla banca di Siena

Gianfranco D'Atri

La soluzione trovata per Mps, spiega GIANFRANCO D'ATRI, è da "furbetti del giroconto" e ci lascia un patrimonio negativo, mentre la parte ancora sana di Montepaschi finirà "venduta"

09/07/2016

BANCHE E POLITICA/ Il "buco" impossibile da riempire con i capitali

Gianfranco D'Atri

Per GIANFRANCO D'ATRI, l'uso di risorse pubbliche per le banche estremamente in difficoltà può rivelarsi inutile se è compromessa la fiducia nei loro confronti

05/05/2016

SPILLO/ Quei 7 miliardi bruciati coi derivati del Tesoro

Gianfranco D'Atri

Nel Def viene evidenziato come l’Italia lo scorso anno abbia dovuto far fronte a perdite per 7 miliardi riguardanti i derivati del Tesoro. Il commento di GIANFRANCO D’ATRI

09/02/2016

SPILLO/ Bail in e le altre "fregature" per i risparmiatori

Gianfranco D'Atri

La normativa sul bail in è entrata in vigore e i rischi per i risparmiatori sono aumentati. Per GIANFRANCO D'ATRI è chiaro che la ricchezza degli italiani è nel mirino