BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Speciale

REPLICA/ Ma quale "miracolo", la Fiat di Marchionne piace solo alla finanza

22/11/2010

GIANNI GAMBAROTTA commenta l'articolo di Ugo Bertone dedicato a Fiat, sottolineando come il gruppo torinese stia perdendo quote di mercato

Ospite della trasmissione tv “Che tempo che fa”, l’amministratore delegato di Fiat Sergio Marchionne ha rilasciato dichiarazioni che hanno scatenato un acceso dibattito. Cerchiamo in questo speciale di approfondirne gli spunti.

19/11/2010

FIAT/ Il "miracolo" di Marchionne che l'Italia non vuole

La Fiat di Marchionne, grazie anche a Chrysler, sembra lanciata verso il successo. Eppure, spiega UGO BERTONE, l'Italia sembra voler restare ai margini di questo processo

05/11/2010

FIAT/ Ugo Bertone: le "tentazioni" che ancora dividono l'Italia da Marchionne

Sergio Marchionne continua a voler portare avanti il progetto Fabbrica Italia, sempre che, spiega UGO BERTONE, il paese sia pronto ad accogliere la sfida

28/10/2010

FIAT/ E se Marchionne volesse fare come la Ford?

Negli Usa Ford è riuscita a ripartire prima delle altre case automobilistiche grazie al sacrificio consapevole dei propri dipendenti, come spiega PAOLO ANNONI

28/10/2010

FIAT/ Deaglio: l'Italia accetterà la sfida culturale di Marchionne?

Prosegue il dibattito sulle parole dell'amministratore delegato di Fiat. MARIO DEAGLIO spiega che nascondono anche una sfida culturale

27/10/2010

FIAT/ Forte: così Marchionne risolve il "ricatto" delle due italie

La sfida di Marchionne, spiega FRANCESCO FORTE è molto importante per due realtà del nostro paese: la grande industria manifatturiera e il Sud

26/10/2010

FIAT/ Le scomode ragioni di Marchionne che uniscono Italia e Usa

Sergio Marchionne ha suonato la campana per tutti: l’Italia rischia di non essere più un paese industriale. Il commento di STEFANO CINGOLANI

25/10/2010

FIAT/ Perché la "mosca bianca" Marchionne ce l’ha tanto con la Fiom?

Ospite di "Che tempo che fa" ieri sera Sergio Marchionne ha parlato della situazione italiana. Il commento di MARCO COBIANCHI