Sorteggio Fed Cup 2017/ Taipei-Italia, avversario abbordabile nei playoff del World Group II: è il momento di rifondare

Redazione

Sorteggio Fed Cup 2017, Taipei-Italia è la sfida uscita dalle urne per il playoff del World Group II. Avversario abbordabile il prossimo aprile, la speranza è che si possa ricostruire

Pubblicazione: martedì 14 febbraio 2017 - Ultimo aggiornamento: martedì 14 febbraio 2017, 16.09

Sarà Taipei-Italia: la sfida di Fed Cup 2017 per i playoff del Secondo Gruppo Mondiale, che si terrà il 22 e 23 aprile, ci vedrà impegnati a Taiwan per provare a confermare la nostra presenza nel World Group II. In caso di sconfitta sprofonderemmo nel Gruppo I della zona Europa/Africa: non succede da 20 anni e sarebbe dunque una sorta di fallimento. La scelta della superficie sarà decisa dal sorteggio, mentre Taipei (che sarebbe Taiwan o Repubblica di Cina, ma non può partecipare con questi nomi alle competizioni internazionali) ospiterà un incontro di Fed Cup per la prima volta in 16 anni.

Diciamolo subito: poteva andarci peggio. Avremmo potuto pescare la Gran Bretagna (sfiderà la Romania) della Top Ten Johanna Konta, di Heather Watson e di una Laura Robson che prima di farsi male era pur sempre arrivata agli ottavi di Wimbledon e al numero 27 del ranking; o la Serbia (contro l’Australia) che, pur priva di Ana Ivanovic, ha pur sempre interessanti giovani (Nina Stojanovic e Aleksandra Krunic su tutte, anche se quest’ultima è precipitata nel ranking) e una veterana come Jelena Jankovic. Oppure il Kazakhstan - giocherà contro il Canada - che ha l’emergente Yulia Putintseva nella Top 30 e una sempre temibile Yaroslava Shvedova tra le altre, oltre a Zarina Diyas che sta provando a rientrare da un lungo stop.

Taipei, tra le quattro possibilità, è senza ombra di dubbio la migliore: l’unica giocatrice forse degna di nota è Su-Wei Hsieh, straordinaria doppista ma singolarista piuttosto fragile (oggi è fuori dalle 100 Wta). Se proprio vogliamo, le insidie arrivano proprio dal doppio: Taipei avrebbe anche le sorelle Chan Hao-Ching e Chan Yung-Jan, che quest’anno non hanno ancora giocato ma hanno raccolto 11 titoli pro in carriera. Ciò detto, la permanenza nel Secondo Gruppo Mondiale non dovrebbe essere un problema. A questo punto però si apre un discorso parallelo che possiamo fare: forse è arrivato il momento del ricambio generazionale.

Roberta Vinci e Francesca Schiavone sono all’ultima stagione: la Leonessa ha onorato l’impegno di Forlì contro la Slovacchia, ma è giusto che come Roberta si prenda il tempo necessario a chiudere in bellezza una carriera straordinaria. Tathiana Garbin, nuovo capitano dell’Italia, ha dimostrato coraggio convocando per la prima volta Jasmine Paolini e Martina Trevisan; il ranking certamente non aiuta la ricostruzione (nessuna delle giovani è nelle 200 Wta) ma se c’è un momento per osare è proprio questo, accettando magari di passare qualche anno a sgomitare nelle zone basse della Fed Cup ma crescendo un gruppo di giocatrici che possano sviluppare attaccamento alla maglia e attitudine alle sfide da dentro o fuori.

Seguendo l’esempio della Croazia che da anni fa giocare regolarmente Ana Konjuh e Donna Vekic, o della Russia che ritrovatasi nel Gruppo Mondiale ha convocato e messo in campo giocatrici come la diciannovenne Natalia Vikhlyantseva e la diciottenne Anna Blinkova. Certo: la classifica è diversa rispetto a quella delle nostre ragazze. Tuttavia, come la storia ci insegna, le graduatorie del tennis femminile sono spesso aleatorie, vivono di momenti e non vanno prese in senso assoluto. Che una veterana come Sara Errani (o una Camila Giorgi, se e quando potrà tornare, o Karin Knapp) faccia da leader e chioccia ci può stare, ma a oggi la speranza è che, risultati a parte (restano sempre da guardare come obiettivo), si possa davvero mettere in piedi un movimento che faccia ripartire il tennis italiano al femminile, dopo straordinari periodi di vittorie. 

(Claudio Franceschini)

Sorteggio Fed Cup 2017/ Taipei-Italia, avversario abbordabile nei playoff del World Group II: è il momento di rifondare