Articoli 2008 di Comunione e Liberazione

SVILUPPO/ Sapelli: dai "cappellani del lavoro" ai "preti lavoratori"

La cooperazione internazionale per lo sviluppo applica incessantemente nuovi modelli, piani e strategie mirate a intervenire nelle emergenze e - spesso - ad esportare uno stile di vita occidentale in tutto il mondo. La Ong Avsi parte da un punto di vista diverso: l'incontro e la condivisione di persone che condividono il destino facendo insieme un pezzo di strada. ilsussidiario.net ha chiesto al Prof. Giulio Sapelli un giudizio sull'efficacia di questo approccio nell'economia dello sviluppo

GIUSTIZIA/ L'agenda di un "delinquente"

In questa lettera al Direttore de Il Riformista Ubaldo Casotto, vicedirettore della stessa testata, con ironia e puntualità evidenzia il metodo cinico e un po' ridicolo di processi mediatici di alcuni grandi giornali che seguono il caso Why not come fosse una spy story con un metodo che - a ben guardare - potrebbe essere applicato a chiunque con i medesimi risultati

ELUANA/ Socci: la testimonianza delle suore che la accudiscono vale più di ogni discorso

Secondo il giornalista e scrittore Antonio Socci, tutto il dibattito sul caso di Eluana è stato a lungo falsato dal fatto di non essere stati per molto tempo informati sull’aspetto essenziale: la testimonianza silenziosa e discreta delle suore che l’hanno accudita per quattordici anni. Un aspetto che ribalta la prospettiva con cui giudicare tutta la vicenda. VOTA IL SONDAGGIO.

CDO/ 1. La ricetta anticrisi? «Puntare tutto sul capitale umano»

Ieri al Palasharp di Milano si è svolta l’Assemblea generale della Compagnia delle Opere dal tema “Il tuo lavoro è un’opera”, con interventi del presidente di Cdo Bernhard Scholz, di Don Juliàn Carròn, Presidente Fraternità di Comunione e liberazione, e di Giorgio Vittadini, Presidente Fondazione per la Sussidiarietà. ALL'INTERNO IL VIDEO DELL'ASSEMBLEA.

EDUCAZIONE/ Socci: la scuola, ultima ridotta dell'ideologia. Ma gli studenti chiedono veri maestri

«Quello che disse don Giussani in occasione della tragedia di Nassirya vale ancora oggi: manca un’educazione del popolo e le ultime proteste contro la riforma della scuola lo dimostrano. I giovani manifestano una domanda di conoscenza che non è soddisfatta, subito però a questa esigenza di riforma tocca di essere strumentalizzata politicamente. Io credo che dietro di essa vi sia una tacita domanda di veri maestri. Purtroppo per il nostro paese, però, la nostra scuola oggi è l'ultima ridotta dell'ideologia». Ilsussidiario.net ha intervistato Antonio Socci sugli ultimi eventi che hanno accompagnato il decreto Gelmini. VOTA IL SONDAGGIO.

STATALE/ La piazza, il salotto e le rivoluzionarie consuetudini di sinistra

Il presidente della repubblica Giorgio Napolitano fa visita all'Università degli Studi di Milano per parlare con i rettori e trova una calorosa accoglienza da parte degli studenti di Comunione e Liberazione, ma ai colloqui privati sono ammessi solo studenti di sinistra (uno dei quali distintosi per avere tentato di occupare i binari alla stazione Cadorna). MATTEO FORTE ci racconta dall'interno questo episodio

ELEZIONI USA/ Politica, elettori ed educazione: il voto è solo questione di marketing?

OHIO - MAX BONILLA - La campagna elettorale in america è spesso impostata come un grande momento in cui il marketing regna sovrano e in cui i voti degli elettori sono da conquistare agitando gli spauracchi di nuove tasse o di potenziali politiche irrispettose dell'ambiente. Ma la decisione di un elettore è proprio solo determinata dalle leggi del marketing?  VOTA IL SONDAGGIO.

INSEGNANTI/ Raccontare la professione facendo scuola

“Libertà di educazione” è una rivista trimestrale fatta da e per docenti di ogni ordine e grado di scuola, nata trent’anni fa. Da quattro anni si è trasformata in “Quaderni di Libertà di educazione”. Dal lavoro dei soci di DIESSE esce ogni tre mesi un numero sui temi del “fare” lezione, del costruire scuola ed operare cultura, offrendo ipotesi di lettura dei diversi contesti scolastici e raccontando esperienze in atto

SCALFARI/ Del Debbio: le sue accuse sono un vaniloquio senza senso

Parole pesanti quelle che Eugenio Scalfari ha rivolto all'amministrazione di Milano, nonché al governatore della Regione Lombardia e a Compagnia delle Opere. Il fondatore di Repubblica stigmatizza il movimento di CL e CdO incolpandoli di aver ordito trame di potere e aver creato un'organizzazione più potente di quella mafiosa nel controllo della gestione regionale e cittadina

Giannino: a Scalfari non piace Milano per colpa di CdO e Cl? L’ultima “scomunica” di chi parla di una realtà senza conoscerla

In un’intervista a Repubblica ed. Milano, ieri Eugenio Scalfari ha detto che la borghesia illuminata di Milano ha perduto la propria leadership culturale e sociale e sopravvive oggi con una mentalità separatista. Per non parlare del suo sistema di governo, egemonizzato da CdO, Cl e gruppo formigoniano: «nemmeno la mafia a Palermo ha tanto potere». Ma non tutti sono d’accordo

Scuola e società hanno bisogno di testimoni

Istruire ed educare sono compiti che nè la scuola nè gli insegnanti possono assumersi in via esclusiva come competenza squisitamente professionale. Una lettrice si chiede come è possibile mettere in gioco "la persona" come insegnante, dirigente scolastico, genitore nel difficile compito di educare i giovani?

Politi: oltre i dibattiti culturali, i "cattolici del quotidiano"

Ilsussidiario ha raccolto gli spunti di riflessione suscitati dall’editoriale di Ezio Mauro apparso su Repubblica venerdì 5 settembre, seguito su queste pagine dagli interventi di Costantino Esposito e di Michele Lenoci. Pubblichiamo oggi una conversazione con il vaticanista di Repubblica MARCO POLITI, sempre sul tema della presenza dei cattolici nella società italiana

Un Fatto irriducibile a ogni moralismo

Ezio Mauro nell’editoriale di Repubblica del 5 settembre ha visto molto bene che il cristianesimo non può essere ridotto a regole morali. Di qui l’analisi sul mutamento in atto nel paese tra Chiesa e società. Ma, dopo aver colto il nocciolo della questione, sembra farselo scivolare di mano. La risposta di Costantino Esposito, docente di Storia della filosofia nell’Università di Bari

Roccella: la mia vita è cambiata, ma non ho buttato a mare nulla del mio passato

Si è conclusa sabato 30 agosto la ventinovesima edizione del Meeting di Rimini, con l’incontro di presentazione del testo di don Luigi Giussani “Uomini senza patria”. Invitata a parlare di questo testo è Eugenia Roccella, sottosegretario al Welfare, che in questa intervista a ilsussidiario.net spiega qual è il nesso tra la sua esperienza personale e la lettura di don Giussani

Mons. Fisichella: ecco perché l'uomo di oggi ha bisogno della Chiesa

«Chiesa e modernità: il dialogo necessario»: questo il titolo dell’incontro cui partecipano oggi Mons. Fisichella presidente della Pontificia Accademia Pro Vita e rettore della Pontificia Università Lateranense, e monsignor Luigi Negri, vescovo di San Marino-Montefeltro. Mons. Fisichella anticipa, in questa conversazione con ilsussidiario.net, alcuni dei contenuti dell’incontro

I valori cristiani alla base dell'incontro fra culture. Parola di teologo anglicano

Oggi al Meeting di Rimini John Milbank, tra i massimi teologi del mondo anglicano, affronta con il teologo cattolico Javier Prades il tema del multiculturalismo. Ilsussidiario.net lo ha intervistato. C’è un rinnovato interesse per le religioni, che però si stanno politicizzando, mentre il secolarismo tende a farsi militante e a combattere la religione. I valori cristiani garantiscono più di altri la convivenza delle culture

Protagonista è chi si sente chiamato per nome

Marco Bersanelli, astrofisico, commenta, dopo l’incontro centrale del Meeting, il titolo della kermesse riminese “O protagonisti o nessuno”. La consistenza della personalità non sta nella pretesa di autonomia, ma nella coscienza di una Presenza, reale e misteriosa, da cui l’io sorge. Protagonista è l’uomo che continuamente si accorge con stupore che il proprio io è generato da qualcosa che non è lui, da un Infinito, da qualcosa di Altro-da-sé

LA STRANIERA/ Protagonisti seguendo la luce senza pretesa di possederla

Lo spettacolo inaugurale del Meeting di Rimini, domenica 24 agosto, è dedicato ai "Cori della Rocca" di T.S. Eliot, recitati da attori professionisti insieme a cori di dilettanti (come avvenne la prima volta nel maggio 1934); la prima teatrale di Rimini sarà impreziosita dal video di spezzoni di "Cori" rappresentati in altre suggestive località italiane durante gli ultimi mesi

GLI ARCHIVI DEL CANALE