AUTORI / Dino D’Agata

Dino D’Agata è scrittore e insegnante e vive a Washington, D.C. Originario di Philadelphia, ha studiato e si è laureato alla New York University. Attualmente insegna letteratura americana e giornalismo in una scuola superiore privata. Dino D'Agata is a writer and teacher based in Washington, D.C. He grew up outside of Philadelphia and was educated at New York University, where he completed an undergraduate degree in comparative literature and a graduate degree in English. He writes essays and fiction and currently teaches American literature and journalism at a private high school in the District. Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI

ELEZIONI USA/ E' tra la gente il motivo della sconfitta dei Repubblicani

La mancanza di credibilità dei Repubblicani ha giocato un riolo determinante nella vittoria di Barack Obama. Le bugie per giustificare la guerra in Iraq sono state pagate a prezzo altissimo e molti elettori repubblicani, come anche cattolici, hanno optato per il senatore dell'Illinois. Per il partito dell'elefantino  si apre un lungo periodo di riflessione. DINO D'AGATA da Washington ci racconta il clima che si respira negli Usa tra la gente comune

EDUCAZIONE/ "No Child Left Behind Act", la legge che promuove la libertà delle famiglie

WASHINGTON - DINO D'AGATA - Il "No Child Left Behind Act", approvato nel gennaio 2002 dall'amministrazione Bush, è stata una delle riforme dell'educazione più radicali. Ora è tema di dibattito in campagna elettorale, perchè i suoi avversari contestano la "parental choice”, la possibilità per i genitori di spostare i figli da scuole “cronicamente non funzionanti” a scuole pubbliche o parificate migliori. Se John McCain ha in programma di continuare su questa strada, Obama è contro i vouchers e vorrebbe creare nuove scuole pubbliche

WASHINGTON/ Dopo il primo dibattito presidenziale

WASHINGTON - DINO D'AGATA - Qualunque sia il risultato delle elezioni del prossimo mese, sin dal primo dibattito presidenziale di venerdì scorso, è stato chiaro che il prossimo presidente americano avrà molto da fare. Né John Mc Cain, né Obama sanno quale sia la più efficace soluzione alla crisi finanziaria e ci si chiede cosa stiano pensando tutti quegli ottimisti che, a suo tempo, ci rassicurarono che lo sfacelo dei mutui sub prime non avrebbe avuto effetti dannosi sull'economia. READ THE ENGLISH VERSION.