AUTORI / Giovanna Parravicini

Giovanna Parravicini è nata a Seregno (MI), il 15 luglio 1955, si è laureata in Lettere moderne all’università Statale di Milano nel 1978, con una tesi in letteratura italiana. È ricercatrice della Fondazione Russia Cristiana e direttore dell’edizione russa della rivista La Nuova Europa. Per la Casa di Matriona, editrice della Fondazione, ha curato numerose pubblicazioni sulla storia della Chiesa in Russia nel XX secolo e la storia dell'arte bizantina e russa. Risiede a Mosca, dove collabora in ambito culturale con la Nunziatura Apostolica e lavora presso il Centro Culturale Biblioteca dello Spirito. Nel 2009 è stata nominata Consultore del Pontificio Consiglio per la Cultura. Tra le sue pubblicazioni: Lituania popolo e Chiesa, 1984; Ave Gioia di tutto il creato, 1988; Julija Danzas, 2001; Vita di Maria in icone, 2001; Icona: immagine di fede e arte, 2006; Liberi. Storie e testimonianze dalla Russia, BUR 2008. Ha inoltre curato una Storia dell'icona in Russia in 5 volumi. Giovanna Parravicini was born in Seregno in 1955, and she graduated in Modern Letters from the University of Milan in 1978, with a thesis in Italian literature. She is a researcher for the Russian Christian Foundation and the director of the Russian edition of the magazine The New Europe. She has edited numerous publications on the history of the Church in Russia in the twentieth century and the history of Byzantine and Russian art. She lives in Moscow, where she collaborates in the cultural sector with the Papal Nuncio at the Library of the Spirit Cultural Center. In 2009, she was named Consultant of the Pontifical Council for Culture. Among her publications: Julija Danzas, 2001; Vita di Maria in icone (The Life of Mary in Icons), 2001; Liberi. Storie e testimonianze dalla Russia (Free. Stories and testimonies from Russia), 2008. She also edited a History of the Russian Icon in 5 volumes. Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI

Per non morire di regime

In Russia le celebrazioni in occasione della vittoria nella seconda guerra mondiale sono oggetto di una strumentalizzazione politica. La memoria chiede altro

Domande aperte

Uno storico, Jurij Dmitriev, che restituisce il nome a migliaia di vittime della repressione staliniana. Processato e condannato a 13 anni. È la Russia di oggi

Nel nome di Santa Sofia

Si sta discutendo sullo status della basilica di Santa Sofia a Istanbul. La storia ha visto molto tentativi alterni di mettervi sopra un simbolo religioso; bisognerebbe rileggere Bulgakov

La caduta dell’ultimo mito

A dispetto del Covid-19, in Russia ci si prepara per la Parata della Vittoria contro il nazismo. Ma il vero custode della grandezza del popolo russo non è lo Stato

Voglia di buone notizie

La precarietà è entrata all'improvviso nelle nostre vite. Ma, in fondo, è il rischio che ci assumiamo in ogni rapporto, dove non c’è nulla di scontato senza un nuovo inizio, giorno per giorno

Vedere un Bambino e restare uomini

Sulla scorta dei magi, sono tanti, anche in Russia, quelli che hanno il coraggio di non rassegnarsi all’oscurità e di volgersi verso la Stella di Natale che ci indica la “Luce della ragione”

Pensieri dal lager

Ottant'anni fa moriva uno dei più grandi poeti russi del Novecento. Per lui la cultura cristiana era parlare di libertà in un universo di bellezza gelida, senza vita

Anche noi ti benediciamo...

È una consuetudine lituana pregare per qualcuno, imponendogli le mani. Ma la selva di mani levate al Papa a Vilnius è un segno eloquente dell'unità intorno a Pietro. GIOVANNA PARRAVICINI

Effetti collaterali

I mondiali di calcio in Russia, oltre lo sport, hanno avuto il grande merito di aver permesso l'incontro fra la popolazione e i tifosi stranieri. di GIOVANNA PARRAVICINI

Un maestro in comune

In viaggio sulle tracce dei grandi scrittori russi. L'incontro con suor Nektarija, passata dalla più grande università marxista di Mosca alla vita in un monastero. GIOVANNA PARRAVICINI