AUTORI / Giuseppe Frangi

Direttore di Vita non profit magazine e del sito www.vita.it. Esperienza unica nel suo genere di informazione dedicata al mondo dell'associazionismo e dell'economia sociale. In passato ha lavorato per il Sabato, 30 Giorni, La Stampa e Class. È presidente dell'Associazione Giovanni Testori e tiene viva la sua passione per l'arte con un blog http://robedachiodi.wordpress.com/ Director of Vita (Life), a non-profit magazine and of the site www.vita.it, a one of a kind site dedicated to the world of associations and social economy. In the past, he worked for newspapers like Sabato, 30 Days, La Stampa and Class. He is the President of the Giovanni Testori Association and keeps his passion for art alive with his blog. http://robedachiodi.wordpress.com/ Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI

Nel mirino della vita

Stroncò Baricco, Benni, Eco, perfino l’ultimo Calvino. Giovanni Raboni leggeva, recensiva e spesso stroncava. Sempre i libri, mai le persone. Per farlo serve libertà

Un fascino, prima di tutto

In Sicilia non si dice “andare a messa” ma “vedere la messa”. Un modo di dire che mette al primo posto Cristo non come simbolo ma come presenza reale

Ricucire lo strappo della vita

In Italia manca e ci vorrebbe un libro come quello scritto da Didier Eribon, da cui è stato anche tratto uno spettacolo teatrale che aprirà la prossima stagione al Piccolo di Milano

Uno strano lavoro (per tutti)

Quello dell’artista è uno strano “lavoro”. Non obbedisce ad una necessità, se non quella che nasce dentro di lui. Ecco come un’idea prende forma

Natale, l’imprevisto di Dio

Ieri Francesco ha detto che il Natale è la festa dell’inedito di Dio. Lo comprese anche Testori, tenendo tra le proprie braccia la madre morta

Il mondo derubato di Leonardo

Il principe saudita Mohammed bin Salman un anno fa ha acquistato il “Salvator Mundi” di Leonardo Da Vinci per 450 milioni di dollari. Lo ha rubato al mondo

La domanda del clochard

La notte del 3 novembre uno dei clochard che abitualmente stazionavano sotto i portali del museo archeologico di Napoli è stato trovato morto. La risposta di Paolo Giulierini