AUTORI / Petr Nagibin

Petr Nagibin, nato a Mosca nel 1977, laureato in storia e filosofia, si occupa di problemi legati alla transizione dal totalitarismo e lavora come traduttore e redattore di testi letterari. Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI

Russia, il doping e gli uomini liberi

Russia travolta dal doping. La stampa d'opposizione non mostra alcuna sorpresa per uno scandalo annunciato da tempo, il potere grida la complotto. Ma c'è un'altra strada. PETR NAGIBIN

Non saper vincere

Sconfitta dal Canada nella finale dei Mondiali di hockey, la nazionale russa ha abbandonato il podio senza aspettare l'inno dei vincitori. Ma la questione va ben oltre lo sport. PETR NAGIBIN

L'ossessione del nemico

Le recenti parole del papa sui genocidi e sul loro riconoscimento (senza del quale non c'è pace) incontrano le considerazioni di Nikita Petrov, uno dei maggiori storici russi. PETR NAGIBIN

Vecchio o nuovo stalinismo?

Si potrebbe non credere che in Russia si stia affermando un nuovo totalitarismo; intanto, il 39% dei cittadini russi ha un'opinione positiva della figura di Stalin. PETR NAGIBIN

Russia, elogio del terrore

Se c'è qualcosa di pericoloso è proprio l'idea di un cristianesimo ridotto a una civiltà. Che può essere difesa con la violenza. Accade in Russia, ma è un rischio per tutti. PETR NAGIBIN

Russia senza speranza?

L'avventura ucraina o il crollo del rublo sono soltanto una sorta di effetto collaterale, in qualche caso tragico, ma comunque frutto di un male più profondo della Russia. PETR NAGIBIN

Muri e persone

Nelle grandi celebrazioni per il venticinquesimo anniversario del crollo del muro di Berlino ci si è divisi in due fazioni, nostalgici e americanisti. L'editoriale di PETR NAGIBIN

L'ora del martirio

Nella guerra di propaganda tra Russia e Ucraina la ragione ha cessato di funzionare, non ha più alcun dato reale, e la verità diventa uno strumento per schiacciare il nemico. PETR NAGIBIN