La guerra, come metodo

Israele, Palestina, Terra Santa: in queste settimane la tensione ha raggiunto punte altissime e gli osservatori profetizzano l’esplosione di un nuovo conflitto aperto. Perché nella regione dai tre nomi la guerra non è un modo per proseguire la politica, ma per precederla

19.03.2010 - Roberto Fontolan
carroarm_isr_tramonto_R375
Foto Ansa

Il saggio diplomatico e profondo, equilibrato conoscitore della situazione, la commenta così: “Tra poco compirò 67 anni. Quelli della mia età che vivono lì non hanno mai sperimentato quel che significa vivere in pace. Per non parlare dei bambini, dei giovani, dei quarantenni che dovrebbero essere in prima linea nella vita pubblica. Tutti soldati o tutti prigionieri, tutti con un dolore per la morte di un fratello o di un figlio…Non è giusto, non è umano”.

Israele, Palestina, Terra Santa: un luogo che per essere definito ha bisogno di tre nomi, perché uno solo escluderebbe qualcosa d’altro. E qualcosa d’altro significa persone, famiglie, popoli, storie. Da generazioni intere guerra o quasi guerra. In queste settimane la tensione ha nuovamente raggiunto punte altissime e i saggi osservatori profetizzano l’esplosione di un nuovo conflitto aperto. Perché nella regione dai tre nomi la guerra non è un modo per proseguire la politica, ma per precederla.

Dove non c’è politica, nel senso di una proposta, di una prospettiva, di un cammino percorribile, si fa la guerra e poi si vede. Potrebbe essere una terza intifada, o uno scatenarsi di carri armati (a seguito del solito missile sparato da Gaza), o eventi di confine. Con in più le fosche incognite che incombono sui Paesi arabi: la Giordania ha chiaramente manifestato la sua rabbiosa critica all’attuale governo israeliano, l’Egitto è entrato in una delicatissima fase di successione a Mubarak, la Siria dopo tanti tira e molla si salda sempre più all’Iran e il Libano resta imprigionato nella sua stessa impotenza (e nella frattura storica all’interno della componente cristiana). Poi il nervosismo evidente degli Stati Uniti,

Clicca >> qui sotto per continuare a leggere l’editoriale di Roberto Fontolan

Che non ottengono nemmeno la sospensione della costruzione delle case per i coloni a Gerusalemme Est. Il premier israeliano ha rivendicato la sua “politica”: “Continueremo a costruire, esattamente come hanno fatto tutti i governi precedenti da 42 anni”. Non sono ancora i 67 anni del diplomatico avveduto, ma il senso che possiamo ricavare è inequivocabile.

 

Si continua così, tra guerra e quasi guerra. Dove tutti rivendicano le proprie ragioni e molti hanno obiettivamente ragioni da vendere. Ragioni contrapposte e inconciliabili, finchè non c’è una politica che voglia schiodare queste ragioni dal passato (quel passato che rende tutti schiavi) e gettarle nell’oggi, disposti a cambiare o anche rinunciare (nessuno è disposto) a qualcosa per poter includere, finalmente, e smetterla con l’escludere; nell’oggi di tutte quelle generazioni che non hanno conosciuto altro che l’eterno contrapporsi dei torti e delle ragioni. Ma una politica nuova non nasce da sé, è conseguenza di qualcos’altro. Ed è questo il punto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimi Editoriali