Cattolici, perchè?

- Lorenzo Albacete

Il problema di una “riforma delle leggi di immigrazione” è certamente uno dei più aspramente dibattuti negli Stati Uniti in questi giorni, dibattito alimentato della controversa legge appena adottata dallo Stato dell’Arizona.

matrimonio-messicano2R375

Il problema della “riforma delle leggi sull’immigrazione” è certamente uno dei più aspramente dibattuti negli Stati Uniti in questi giorni, alimentato anche dalla controversa legge appena adottata dallo Stato dell’Arizona. Il provvedimento consente alle forze dell’ordine statali di richiedere agli individui sospettati (“ragionevolmente”, qualunque cosa significhi) di immigrazione clandestina di fornire le prove della loro presenza legale nel Paese, e di segnalarli alle autorità federali nel caso in cui non ne forniscano.

La discussione si è incentrata sulla questione del “profilamento razziale o etnico”, dal momento che la maggior parte dei sospetti clandestini in questa regione di confine è di origine messicana o centroamericana. La maggioranza degli immigrati è di religione cattolica, motivo per cui la Chiesa cattolica, la cui dirigenza è considerata pro-immigrati, è ampiamente coinvolta nel dibattito.

Infatti, un recente studio sui cattolici ispanici (“Sondaggio sull’Identificazione Religiosa degli Americani 2008”, anche noto come ARIS, condotto dall’Istituto per lo Studio della Secolarizzazione nella Società e nella Cultura, o ISSSC, presso il Trinity College di Hartford in Connecticut) mostra che gli ispanici, o latino-americani, costituiscono una percentuale sempre più significativa della Chiesa cattolica americana. Secondo un ricercatore dell’ISSSC, “negli ultimi 18 anni, ci sono pochi fenomeni che hanno cambiato l’America e la religione americana più della crescita della popolazione latino-americana”.

Ad esempio, l’aumento di 11 milioni nella popolazione cattolica statunitense dal 1900 al 2008 è dato in gran parte dai nove milioni di cattolici ispanici; di conseguenza, il 32% dei cattolici statunitensi è ora ispanico, rispetto al 20% del 1900.

Tuttavia, c’è ora uno sviluppo altrettanto importante che comincia a preoccupare la leadership ispanica della Chiesa Cattolica, inclusi i vescovi. Anche se nell’attuale dibattito sull’immigrazione si insiste da parte di tutti sulla necessità che i latino-americani imparino a parlare inglese correntemente e acquisiscano la cultura degli Stati Uniti, i leader cattolici sono preoccupati dei possibili risultati di questo processo di assimilazione.

Clicca >> qui sotto per continuare l’editoriale

 

Ad esempio, il sondaggio ARIS mostra chiaramente che più gli immigrati si assimilano alla società americana e meno si identificano come cattolici. Nel 1900, il 66% degli ispanici si definivano cattolici. Nel 2008, la percentuale è scesa al 60%. Inoltre, si è verificato un aumento del numero di latino-americani che non seguono alcuna religione, dal 6% nel 1900 al 12% nel 2008. Quest’ultima sembra essere, di fatto, la tendenza religiosa con la crescita più importante nella popolazione ispanica degli Stati Uniti.

 

Più a lungo un latino-americano ha vissuto negli USA e meno tende ad identificarsi come cattolico.

In più, coloro che hanno una maggiore padronanza dell’inglese tendono a qualificarsi come membri di Chiese cristiane conservatrici, oppure come non appartenenti ad alcuna religione.

 

I Testimoni di Geova e altre sette protestanti, come gli Avventisti e i cristiani ecumenici, hanno triplicato i propri aderenti, mentre l’appartenenza alle comunità pentecostali ha solo tenuto il passo con la crescita della popolazione.

 

La maggioranza delle persone senza religione e dei membri delle sette protestanti ha meno di 30 anni. Le persone senza religione hanno una maggior probabilità di avere un titolo universitario, mentre quelle nelle sette protestanti hanno la minore formazione universitaria.

 

Il sondaggio ARIS mostra altri risultati che confermano questa tendenza, portando alla conclusione che l’assimilazione degli immigrati ispanici, legali o illegali, danneggia la loro identità cattolica.

 

Clicca >> qui sotto per continuare l’editoriale

 

 

 

Economicamente, i latino-americani che appartengono alle principali chiese protestanti hanno il reddito familiare più elevato. Dal punto di vista politico, i cattolici latino-americani e quelli senza religione si identificano con il Partito Democratico, mentre i cristiani non cattolici preferiscono il Partito Repubblicano.

 

Riassumendo, il professor Barry A. Kosmin del Trinity College conclude che “mentre gli immigrati latino-americani stanno contribuendo significativamente alla stabilità del cattolicesimo americano, le generazioni più giovani e quelle nate negli Stati Uniti tendono a orientarsi verso un abbandono della religione, oppure verso tradizioni cristiane conservatrici”.

 

I vescovi americani e i leader cattolici ispanici sono consapevoli di tutto questo ed hanno provato ad affrontare il problema tentando di sostituire un processo che chiamano “integrazione” a quello di assimilazione. Hanno quindi iniziato ad opporsi alle riforme delle leggi di immigrazione volute dai politici, che enfatizzano la necessità dell’assimilazione.

 

Ma è davvero questa la risposta più appropriata dei cattolici al problema? A mio avviso, invece di dedicare molte energie a trovare il processo di socializzazione più adeguato, i vescovi e i leader cattolici ispanici dovrebbero concentrarsi su programmi pastorali che aiutino i cattolici ispanici a capire che cosa fa sì che i cattolici siano cattolici, nella relazione tra le loro tradizioni storiche e la fede cristiana in Gesù Cristo. È questo l’unico modo in cui i programmi di evangelizzazione porteranno frutti culturali davvero nuovi ed adeguati alle sfide del tempo presente.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimi Editoriali

Vedi tutti