Avere tutto e non essere sicuri di nulla

- Federico Pichetto

Il planking è una delle tante sfide mortali per giovanissimi: il brivido di rischiare la vita per sentirsi vivi. E un ennesimo grido verso gli adulti

scuola_studenti_giovani_2_lapresse_2018
LaPresse

Le dinamiche sotterranee che caratterizzano le relazioni sociali, i fenomeni di costume, le mode, raccontano in prima battuta che cosa ha il potere di ammaliare il cuore dell’uomo nell’odierno contesto culturale, ma, in un’ultima istanza, fanno emergere i bisogni profondi del nostro tempo.

Così parlare del planking, la strana sfida per cui i giovanissimi si sdraiano su strade buie scattandosi selfie in attesa che passi un’automobile da evitare all’ultimo momento, non significa semplicemente denunciare un’attitudine idiota, stupida e deprecabile, ma è un invito a guardare oltre, a guardare dentro ciò che spinge e determina gli adolescenti e i preadolescenti di oggi, nell’intento di riannodare il filo del dialogo con ciascuno di loro, compresi i più lontani e i meno considerati. Infatti siamo di fronte ad un fenomeno molto ristretto, diffuso in gruppi di ragazzi lontani da ogni aggancio sociale, sia esso religioso, sportivo o anche solo “mondano”, legato al mondo delle discoteche e dei locali notturni: le statistiche confermano che il planking è un’abitudine prevalentemente di nicchia, che affascina i soggetti più soli ed educativamente meno inseriti nei percorsi scolastici tradizionali.

È una sfida alla solitudine, nella ricerca del brivido di esserci e di sentirsi vivi, simile alle tante trasgressioni con cui si provoca la vita quando non la si sente più e la si vorrebbe terribilmente sentire. È il divertimento tipico di chi è alle prese con un vuoto, ma desidererebbe un “pieno”, di chi è chiamato ad affrontare se stesso, ma si trova spiazzato e disarmato dinnanzi alle cocenti delusioni dell’esistenza e al dilagare di una realtà che sembra tradire la promessa di bene che ci portiamo nel cuore. Per questo i ragazzi coltivano l’estenuante ricerca dell’istante – dell’attimo – in cui percepire la loro vita come preziosa, significativa, di valore.

Il tema del valore dell’esistenza è il tema degli adolescenti di oggi, così sommersi da attestazioni di valore da non sapere più riconoscere il proprio valore, così chiamati a dimostrare di valere, da non essere certi di poterlo fare. Il planking fa quindi emergere la necessità di valere, di sentirsi “potabili” da parte della vita, delle cose, dell’esistenza. Ritorna prepotentemente alla ribalta il tema della “conquista”, della “consapevolezza”, della “verifica” personale del fatto di meritare la vita, il bene, il bello.

I nostri ragazzi hanno così tutto che non sono più sicuri di niente, si sentono così sostituiti nell’avventura della scoperta di sé e del giudizio sulla realtà, che non riescono più a comprendere che cosa possa essere vero e che cosa – al contrario – possa essere falso.

È molto triste cercare una conferma al fatto di meritare di vivere nel brivido che ti dà il mettere a repentaglio la tua stessa vita. Eppure per molti non sembra esserci altra via d’uscita per capire, per avere un inizio di risposta al dilemma eterno dell’esser nostro, al fatto di sapere perché – per quale fine e per quale scopo – viviamo e siamo al mondo. Una questione urgente che tanti adulti dimenticano, sepolti dalla quantità di cose di cui si sono rivestiti, ma che in un giovane che si affaccia alla vita è il punto decisivo non per sapere che cosa fare da grandi, ma per decidere se la vita stessa valga la pena – o meno – di essere vissuta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimi Editoriali