INTERVISTATI / Alessandro Bergonzoni

Alessandro Bergonzoni nasce a Bologna nel 1958. A 24 anni dopo l’Accademia Antoniana e la laurea in giurisprudenza, inizia la collaborazione artistica con Claudio Calabrò, da quel momento regista-supervisore di tutta la sua attività fino a Madornale 33, debuttando in teatro nel doppio ruolo a lui congeniale di attore-autore con “Scemeggiata” (1982), a cui faranno seguito “Chi cabaret fa per tre” (1983) e “La regina del Nautilus” (1984). Già in questi primi spettacoli Bergonzoni sviluppa i temi comici che diventeranno fondamentali nei suoi successivi lavori: il rifiuto del reale come riferimento artistico, “l’esplorazione” linguistica e l’assurdo come mondo comico da esplorare a tutto campo. Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI

ELUANA/ Bergonzoni: vi spiego il mio no al dogmatismo della scienza e del diritto

Noto al grande pubblico come attore comico, Bergonzoni è molto impegnato sul fronte dell’aiuto a chi vive in condizione di grave disabilità, come Eluana; da otto anni infatti è testimonial dell’associazione “Amici di Luca”. In questa intervista a ilsussidiario.net dice il suo no alla sentenza con cui si vuole mandare a morte Eluana Englaro. VOTA IL SONDAGGIO.