INTERVISTATI / Carlo Petrini

Carlo Petrini (Bra (CN), 22 giugno 1949) è il fondatore del movimento culturale Slow Food. Conduce i propri studi in sociologia presso l'Università degli studi di Trento. Si occupa di enogastronomia dal 1977 sui principali periodici e giornali italiani e partecipa attivamente alla nascita del Gambero Rosso, inizialmente inserto mensile del Manifesto. Fonda la Libera e Benemerita Associazione degli Amici del Barolo, che diventerà nel luglio 1986 Arcigola, mantenendo forti legami col Gambero Rosso e con la rivista La Gola. È ideatore di importanti manifestazioni ormai di rilievo internazionale come il Cheese, il Salone del Gusto di Torino e la recente manifestazione Terra Madre tenutasi a Torino nel 2004. Il 9 dicembre 1989 a Parigi viene fondato il Movimento Internazionale Slow Food. Ha curato l'edizione della Guida ai Vini del Mondo ed è stato curatore della Guida ai Vini d'Italia, tra le più prestigiose in materia. Come giornalista ha collaborato tra le altre testate con L'Unità, La Stampa, Repubblica. Feed Rss

TUTTI GLI ARTICOLI

CDO/ 3. Petrini: non solo il risultato, ma un atteggiamento “amorevole”. Così si salva l’opera

Ilsussidiario.net ha intervistato Carlin Petrini, fondatore di Slow Food e di Terra Madre, sul tema dell’assemblea nazionale della Compagnia delle Opere: “Il tuo lavoro è un’opera”. Occorre abbandonare un’economia del fare – del fare rivolto al semplice prodotto, al risultato dell’opera – per un’economia della cura: «una componente umana, da cui nasce un atteggiamento più amorevole verso il lavoro stesso».

MILANO 2015/ Petrini: l’Expo è un’opportunità unica. Ecco come non sprecarla

Quale sfida rappresenta l’Expo per Milano e quali risposte Milano è in grado di offrire al mondo? ilsussidiario.net apre un’inchiesta su un tema che fa già discutere e che chiama in causa l’intero nostro sistema paese. Rispondono politici, economisti, architetti, rappresentanti del mondo imprenditoriale e della cultura. Parla oggi CARLO PETRINI, fondatore di Slow Food: «Milano ha davanti due strade. La prima è mettere in pratica esempi virtuosi. La seconda è fare dell’Expo una reale agorà dell’agricoltura e dell’alimentazione mondiale. Occorre ripensare la nostra agricoltura e Milano ha la possibilità di farlo». Leggi il Dossier Expo 2015 a cura de ilsussidiario.net