730 PRECOMPILATO 2022 ONLINE SU AGENZIA DELLE ENTRATE/ Date invio e spese detraibili

- Alessandro Nidi

Dichiarazione 730 precompilato 2022, modello online sul sito dell’Agenzia delle Entrate: date e scadenze d’invio, elenco spese detraibili e deducibili

agenzia entrate tasse
(LaPresse)

È cominciata oggi la pubblicazione online di oltre 30 milioni di dichiarazione dei redditi, il 730 precompilato. L’obiettivo dell’Agenzia delle Entrate è quello di coinvolgere un numero sempre maggiore di cittadini ad usufruire di questo servizio. Nel 2015 aveva lanciato questa rivoluzione, con le principali voci di spesa detraibili, da quelle sanitarie a quelle scolastiche, che appaiono direttamente. L’anno scorso le spese sanitarie sono passate da 718 milioni a oltre un miliardo con un effetto rimbalzo legato alla pandemia. C’è stata invece un’esplosione per quanto riguarda le spese detraibili relative alle ristrutturazioni edilizie, trainate dai vari bonus: sono oltre 10 milioni con un aumento del 36%.

L’aumento più importante è quello delle spese scolastiche, che quest’anno è obbligatorio comunicare al Fisco. Ne sono state censite oltre 450mila rispetto alle 4.600 dell’anno scorso. Triplicate invece le comunicazioni sulle erogazioni liberali. C’è un dato importante che va sottolineato: le dichiarazioni accettate senza modifiche l’anno scorso sono state 4,2 milioni, quindi il 22,3% del totale, mentre sette anni prima erano al 5,8%. (agg. di Silvana Palazzo)

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATO 2022: DA OGGI ONLINE IL MODELLO

Il modulo 730 precompilato 2022 è disponibile dalla mattinata di oggi, lunedì 23 maggio, quando più di 30 milioni di contribuenti avranno modo di visionare il modello dichiarativo mediante il sito internet dell’Agenzia delle Entrate usando Spid, carta d’identità elettronica o carta nazionale dei servizi. Come riferito da “Il Sole 24 Ore”, rispetto al 2021 “non si può più usare il vecchio codice Fisconline, ma ad oggi le credenziali Spid rilasciate sono 30,2 milioni”.

DATE  E  SCADENZE  DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATO

Altro aspetto di rilievo: il modulo 730 precompilato 2022 può essere inviato (con o senza modifiche) da martedì 31 maggio fino al 30 settembre. Il tempo, dunque, di certo non manca, ma va da sé che dipendenti e pensionati a credito con il Fisco abbiano tutto l’interesse ad accelerare per “ottenere il rimborso nella busta paga di luglio (o nella pensione di agosto), dove il credito Irpef potrà sommarsi al bonus anti-rincari di 200 euro per chi ne ha diritto”.

730 PRECOMPILATO 2022: QUALI SONO GLI ONERI DETRAIBILI E DEDUCIBILI?

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la guida sul 730 precompilato 2022 (anno d’imposta 2021) a pochi giorni dalla data da cui si potrà accedere al modello dichiarativo. Vale la pena ricordare che dal 6 giugno 2022 al 20 giugno 2022 si potrà annullare un 730 precompilato già inviato, mentre il 30 settembre 2022 scadrà il termine di invio del 730 (precompilato e ordinario).

Nel 730 precompilato 2022, il contribuente, ritrova precaricati i dati riferiti ai redditi guadagnati nel periodo d’imposta 2021. Presenti anche gli oneri detraibili/deducibili sostenuti nel 2021, quali: quote di interessi passivi e relativi oneri accessori per mutui in corso relativi all’acquisto dell’abitazione principale; premi di assicurazione sulla vita, causa morte e contro gli infortuni e premi per assicurazioni aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi; contributi previdenziali e assistenziali; contributi versati per gli addetti ai servizi domestici e all’assistenza personale o familiare, anche tramite lo strumento del Libretto Famiglia. Spazio anche a spese sanitarie e relativi rimborsi, spese veterinarie, spese universitarie e relativi rimborsi, spese funebri, spese relative agli interventi di recupero del patrimonio edilizio (bonus ristrutturazione) e agli interventi finalizzati al risparmio energetico (ecobonus), spese inerenti agli interventi di sistemazione a verde degli immobili (bonus verde), erogazioni liberali nei confronti delle Onlus, frequenza degli asili nido e relativi rimborsi, frequenza scolastica e relativi rimborsi, bonus vacanze e riscatto dei periodi non coperti da contribuzione.







© RIPRODUZIONE RISERVATA