A porte chiuse, addio fattore campo/ Senza tifosi gare più equilibrate: in Germania..

- Michela Colombo

Con match a porte chiuse, addio al fattore campo: è quanto emerge da uno studio dell’Università di Reading. Senza i tifosi gare più equilibrate: l’esempio della Bundesliga.

Westfalenstadion Dortmund
Il "Muro Giallo" del Borussia Dortmund (Foto LaPresse)

In vista anche della ripresa del calcio nostrano, uno dei punti fondamentali che non sono stati messi in discussione è il divieto a giocare match in presenza dei tifosi: solo partite a porte chiuse dunque da qui fino alla fine della stagione (se mai questa ripartirà ovviamente), con grave delusione non solo degli appassionati, ma pure dei club. I quali a quanto pare non avrebbero più a loro vantaggio il fattore campo in occasione di partite a porte chiuse: questo è l’esito di uno studio condotto dall’Università di Reading e della Otto Besiheim School of Management di Dusseldorf, il quale ha pure avuto conferma da quanto sta accadendo in Bundesliga, il primo campionato europeo a ripartire i battenti dopo lo stop imposto per l’emergenza coronavirus. I dati sono evidenti: presi a campione le partite giocate a porte chiuse nelle coppe e nelle principali leghe del continente, dalla stagione 2002-03 (161 in tutto, di cui 103 sono occorse in Italia), si è ben visto che in tali occasioni, il vantaggio della squadra di casa praticamente si annulla.

I DATI DELLO STUDIO E L’ESEMPIO DELLA BUNDESLIGA

Approfondendo i numeri di questo studio così particolare, vediamo che con il pubblico in campo nel 46% delle volte è la squadra di casa a vincere: ma senza i tifosi allo stadio tale percentuale si abbassa fino al 36%. Inoltre tale 10% in meno di successi interni non si trasforma in automatico in pareggi, ma bensì in successi esterni, che dunque passano al 26 al 34%. Ma perchè si osserva tale evoluzione? La risposta ci arriva dal dato dei gol: senza i propri tifosi gli attaccanti paiono più in difficoltà a segnare e passano dalla media di 1,45 gol a partita segnato prima a 1.23, se si gioca a porte chiuse. Dunque è evidente che per davvero “il calcio senza tifosi non è più lo stesso” e che in caso di ripresa della stagione con match a porte chiuse saremo ora davanti a gare senza dubbio più equilibrate, che pure renderanno molto più incerto il finale di campionato. Come pure lo stiamo già vedendo per l’appunto nella Bundesliga. Al momento infatti nel campionato tedesco, ripartito solo da poco, possiamo contare appena tre sole vittorie casalinghe 7 pareggi ma ben 12 successi in esterni su 22 partite disputate. Senza pubblico dunque i club con le tifoserie più calde perdono senza dubbio qualcosa e e ne siamo accorti già ieri nella sfida tra Borussia Dortmund e Bayern: senza il muro giallo, la squadra di Favre ha certo fatto molta fatica ieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA