A5, auto precipita da cavalcavia Torino-Aosta/ Morta una donna, ferita una disabile

- Niccolò Magnani

Torino-Aosta, tragedia sulla autostrada A5: un’auto è precipitata dalla cavalcavia dopo aver sbandato, morta una donna e ferita grave la passeggera disabile

Ambulanza in autostrada
Soccorsi Ambulanza in Autostrada (LaPresse)

Una tragedia improvvisa, durata pochi secondi ma fatali per la vita di una donna alla guida della sua auto questa mattina sul cavalcavia dell’A5 Torino-Aosta: tra i caselli di Volpiano e Settimo Torinese un’auto con a bordo una donna e una passeggera disabile all’improvviso (e senza ancora una reale motivazione riscontrata dalle forze dell’ordine intervenute sul luogo) ha sbandato ed è precipitata dal cavalcavia appena dopo Settimo. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco con l’elicottero drago per estrarre il ferito dopo l’allarme lanciato da altri automobilisti che hanno assistito alla scena choc: la Polizia Stradale al momento è al lavoro per ricostruire la dinamica dell’incidente, mentre nel frattempo il bilancio della tragedia purtroppo parla di un morto, la guidatrice, e di un ferito grave, la passeggera con già disabilità riscontrata prima dell’incidente.

AUTO PRECIPITA DA CAVALCAVIA A5: LA TRAGEDIA A SETTIMO TORINESE

Al momento l’autostrade A5 è chiusa con uscita obbligatoria a Volpiano in direzione Torino, ma i rallentamenti si stanno ampliando anche in direzione nord. La vettura precipitata dal cavalcavia è stata recuperata ma purtroppo per l’autista non c’è stato nulla da fare, troppo forte lo schianto e troppo gravi le ferite riscontrate. L’auto, pare da una primissima ricostruzione condotta dalla Polstrada, si è ribaltata dopo aver sfondato il guardrail dell’autostrade, terminando la propria corsa vicino alla carreggiata direzione Torino. La portatrice di handicap è stata trasportata d’urgenza al Cto di Torino in codice rosso e con ferite molto grave riportate dopo l’assurda caduta dal viadotto autostradale. Il tutto è avvenuto sull’Autostrada Torino-Aosta attorno all’ora di pranzo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA