Abele Ruggeri, anziano scambiato per ultras/ “Manganellato e citato in giudizio”

- Davide Giancristofaro Alberti

A I Fatti Vostri la storia di Abele Ruggeri, 76enne farmacista che nel 2017 venne massacrato di botte dalla polizia perchè scambiato per Ultras

ruggeri rai 2022 640x300
Abele Ruggeri a I Fatti Vostri

A I Fatti Vostri il curioso caso di Abele Ruggeri, anziano farmacista 76enne, scambiato per ultrà e pestato in maniera violenta nel 2017, ad Atene, dalla polizia locale. Cinque anni fa finì in ospedale con diverse fratture fra cui una al naso e una alla mascella. “Dopo quello che è successo ad Atene e poi quello che si è susseguito ho deciso di non andare più allo stadio – ha svelato Abele Ruggeri parlando in diretta tv – noi eravamo turisti, andavamo in giro per il mondo e ne approfittavamo per vedere la squadra del cuore. La mia passione per il Milan? Nacque da mio padre. Dopo la scuola, sono di Cremona, andavo a vedere gli allenamenti e un giorno sentì due persone dietro di me che parlavano del Gre-No-Lì del Milan, poi li vidi in tv e persi la testa”.

“Quando lavoravo andavo allo stadio due volte all’anno – ha continuato – poi quando andai in pensione decisi di seguire il Milan a cominciare dall’infausta trasferta di Istanbul e sono stato anche in Cina”. Poi arrivò la trasferta in Grecia, ad Atene, del 2017: “Fu un incubo. Eravamo sulla metro, e ad un certo punto ci fu un’imboscata da alcuni ultras greci. Lanciarono bengala e fumogeni, sembrava che la carrozza si fosse incendiata. Poi la metro fu bloccata, fummo costretti a scendere, trovammo rifugio dietro un cartellone pubblicitario. Poi è arrivata la polizia, sorridevamo, ma ci fecero girare e ci manganellarono”.

ABELE RUGGERI: “IN OSPEDALE ERO PIANTONATO PERCHE’ IN ARRESTO”

Abele Ruggeri finì in ospedale: “Mi ricordo poco di quegli istanti, mi ricordo i medici che dicevano che dovevano darmi l’adrenalina. Mi arrivò una manganellata, e poi un’altra mi fratturò il naso e la mascella. Fui portato in reparto ed ebbi la sorpresa di essere piantonato e in arresto”.

Poi la moglie riuscì a coordinare il rientro in Italia. “I poliziotti non mi hanno spiegato nulla, ma mi hanno detto che non riuscivano a capire come poteva succedere una cosa del genere con una persona che poteva essere il loro nonno”. Poi riuscì a farsi dimettere e a rientrare in Italia: “Pensavo che tutti fosse finito, non denunciai la polizia greca. A fine febbraio 2020, poco prima del lockdown, mi arrivò una chiamata dalla Digos e mi dissero che ero citato in giudizio per aver danneggiato la metro greca”. Ancora non si è riusciti a fare chiarezza: “La prima udienza del maggio 2020 fu rimandata per il covid, poi rimandata anche la seconda”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA