Adriano Nicchi, pugile ricoverato per covid/ Post di fuoco vs no vax: “Vi auguro…”

- Davide Giancristofaro Alberti

E’ ricoverato per covid l’ex campione di boxe, Adriano Nicchi: il 41enne è in condizioni non preoccupanti presso l’ospedale di Arezzo

adriano nicchi 2021 social 640x300
Adriano Nicchi (Foto dai social)

E’ ricoverato per covid Adriano Nicchi. L’ex campione di boxe, oggi 41enne, si trova presso l’ospedale San Donato di Arezzo, in Toscana, ma fortunatamente non in condizioni gravi. Come si può notare infatti dallo scatto pubblicato dallo stesso Adriano Nicchi sui social, non è in intubato, respira da solo senza aiuto della ventilazione meccanica, e non è in terapia intensiva. L’atleta ha accompagnato la foto a delle parole di fuoco, che sono state poi successivamente rimosse, e in cui lo stesso scriveva: «A chi non crede al Covid auguro di ritrovarsi ricoverati come me».

Il boxeur è stato campione italiano dei superwelter e questa volta dovrà lottare contro un nemico più piccolo di lui in quanto a muscolatura, ma senza dubbio più infido e letale, tenendo conto che nella sola Italia ha mietuto più di 108mila vittime. Come detto sopra, fortunatamente Nicchi non è in condizioni gravi e sta reagendo bene alla terapia, con la speranza che lo stesso possa lasciare il prima possibile il nosocomio aretino, per tornare nella sua abitazione.

ADRIANO NICCHI, UNA GRANDE CARRIERA SUL RING MA ANCHE COME ALLENATORE E TALENT SCOUT

Adriano Nicchi ha conquistato per quattro volte il titolo di campione italiano, nonché la prestigiosa cintura intercontinentale Wbf. Ad oggi sono però quattro anni che Nicchi non sale sul ring, precisamente dal 2017, la sfida contro Moncelli persa ai punti e a testa alta, quando aveva 37 anni. Dopo essersi ritirato ed aver affrontato alcuni grandi pugili mondiali durante incontri di stampo internazionale, Adriano Nicchi (che è figlio d’arte, visto che anche il padre è pugile), ha aperto una palestra molto nota ad Arezzo, ed ha in seguito ottenuto la Stella di Bronzo del Coni dal comitato olimpico nazionale italiano, per aver allenato grandi pugili di successo. Già perchè il boxeur toscano, oltre ad essere considerato un grande pugile, e anche apprezzato per il suo talento nello scoprire i grandi atleti del futuro, oltre che un ottimo insegnante.



© RIPRODUZIONE RISERVATA