Adua Del Vesco, confessione choc sullo stupro: dubbi del web/ “Dove sono le lacrime?”

- Stella Dibenedetto

Adua Del Vesco confessa lo stupro subito quando aveva solo 12 anni, ma il suo racconto non convince il web. I dubbi degli utenti di Twitter.

adua del vesco matilde brandi gf vip min 640x300
Adua Del Vesco e Matilde Brandi al Grande Fratello Vip 2020 - Screenshot da video

Adua Del Vesco si è lasciata andare ad una confessione choc durante la diretta dell’ultima puntata serale del Grande Fratello Vip 2020. Dopo aver ripercorso la sua linea della vita, l’attrice siciliana che, da ieri sera, ha scelto di farsi chiamare con il suo vero nome ovvero Rosalinda, ha raccontato di essere stata stuprata quando aveva solo 12 anni. Una violenza crudele, disumana che ha scosso tutti gli altri inquilini della casa di Cinecittà, ignari di tutto. Il racconto di Adua, però, ha fatto nascere diversi dubbi sul web. Su Twitter, gli utenti hanno commentato le parole della siciliana e sono tanti coloro che faticano a credere alle sue parole dopo le bugie dette, in primis su Massimiliano Morra, durante il primo mese di permanenza nella casa.

I DUBBI DEL WEB SU ADUA DEL VESCO

E’ un passato doloroso quello di Adua Del Vesco che, nella casa del Grande Fratello Vip 2020 si sta riappropriando della propria vita e della propria identità tornando ad essere Rosalinda. Puntata dopo puntata, Adua sta tirando fuori tutto il dolore vissuto nella sua vita e che le ha impedito di avere un’infanzia e un’adolescenza spensierata. L’ultimo tassello del suo passato tragico è stato messo durante la puntata del 16 ottobre quando Adua ha raccontato lo stupro subito esortando tutti a denunciare quando accadono cose del genere. “All’età di 12 anni io ho subito uno stupro. Queste cose vanno denunciate e ho un grande senso di colpa perchè spero che non abbia fatto del male ad altre ragazze come me”, ha detto l’attrice. Accanto a chi sostiene Adua esortandola a non mollare e a riprendersi ciò che la vita finora le ha tolto, c’è anche chi ha dei dubbi sul suo racconto.



© RIPRODUZIONE RISERVATA