Agostini, guarito l’amico di Pantani/ Positivo al coronavirus: “Mai stato male ma…”

- Michela Colombo

Agostini, guarito dal coronavirus l’amico ed ex compagno di squadra di Marco Pantani-. il manager dell’UAE, pur asintomatico era risultato positivo al Covi-19 e posto in isolamento.

ciclismo Vuelta pianura
Andrea Agostini, ex compagno di Pantani guarito dal Coronavirus (Foto repertorio LaPresse)
Pubblicità

In questi drammatici giorni, sono tante le storie di sportivi e personaggi legati al mondo dello sport che raccontano la propria esperienza da malati da coronavirus: pure vi è chi da asintomatico è risultato positivo al Covid-19 a al pari degli altri ha dovuto vivere momenti di paura in isolamento forzato. E’ il caso di Andrea Agostini, responsabile della comunicazione del team UEA Emirates, e vecchio compagno di squadra alle giovanili e amiche di Marco Pantani, che attraverso le colonne della Gazzetta dello sport, ha raccontato la sua esperienza, in isolamento a Abu Dhabi, dove si trovata col resto del team per l’UAE Tour di fine febbraio.

Il dirigente, raccontando la paura di quei giorni per sè come per i colleghi e gli amici colpiti (“Quando vedi un tuo amico di neppure 40 anni in terapia intensiva, ti chiedi davvero: ma che sta succedendo”), ha però pure annunciato di essere risultato finalmente negativo al Covid 19, dopo due tamponi effettuati nelle ultime 24 ore e altrettanti 12 fatti nei 26 giorni che è rimasto in ospedale, al Cleveland Clinic di Abu Dhabi.

Pubblicità

AGOSTINI: “MAI STATO MALE MA ERO POSITIVO”

Nella lunga testimonianza resa alla rosea, Agostini ha precisato: “Io malato? Mai. Per come mi sono sempre sentito, in Italia sarei andato a correre. Parametri perfetti”. Proprio perché dunque stava bene ma pure era risultato positivo al coronavirus, il manager della UAE Team ha ribadito con forza: “Non sottovalutate il virus e state a casa” e pure “Avrei potuto contagiare altre persone”. Pure non manca nella lunga intervista una testimonianza da parte dello stesso Agostini della difficoltà dell’isolamento: “Ho sofferto tanto di testa: momenti difficili, non riuscivo a parlare”. E pure: “Ho avuto un attacco di panico impressionante, non riuscito a respirare”.

Pure però questi giorni così terribili finalmente paiono essere alle spalle: il manager infatti dovrebbe a breve tornare a casa, ma in tal senso, come ci ricorda tuttobiciweb, si dovrà attendere un intervento della Farnesina (per tutti gli italiani rimasti nel paese) visto che gli Emirati Arabi hanno sospeso i voli fino al 14 aprile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità