AGRICOLTURA 4.0/ “Abaco Farmer R2U”, la soluzione software “sostenibile” di Abaco

- Matteo Fantozzi

La nuova piattaforma di Abaco Group per i piccoli e medi imprenditori nasce per supportare la diffusione di una cultura dell’innovazione nel settore agricolo

terreno agricoltura 2018 wikipedia 640x300
(Wikipedia)

Abaco Group, player di riferimento europeo nella fornitura di soluzioni software per la gestione e il controllo delle risorse territoriali orientate all’agricoltura di precisione e alla sostenibilità ambientale, ha lanciato “Abaco Farmer R2U (Ready to Use)”, una piattaforma particolarmente innovativa che grazie alla valorizzazione di dati territoriali e agronomici può accompagnare le imprese a intraprendere un modello produttivo più efficiente e sostenibile, consentendo un monitoraggio più semplice delle aziende agricole.

Attraverso un’usabilità studiata per rendere semplice e intuitivo l’utilizzo della piattaforma di smart agricolture, ‘Abaco Farmer R2U’ ha l’obiettivo di supportare la diffusione di una cultura dell’innovazione che permetta anche a piccoli e medi imprenditori di fruire delle nuove tecnologie dell’agricoltura 4.0 e di trasformare il proprio modello di lavoro grazie ad esse.

La piattaforma consente di digitalizzare la propria azienda in pochi passaggi, di visualizzare dashboard preimpostate che, grazie a indici satellitari agrometereo, consentono all’imprenditore agricolo di raccogliere informazioni importanti, ad esempio sulla vigoria delle proprie colture, le previsioni metereologiche, lo stress idrico, etc. La piattaforma consente inoltre di pianificare e registrare le attività in campo; impostare gli allarmi e rimanere sempre aggiornato grazie a degli alert sullo stato di salute delle colture e degli appezzamenti; collegare le proprie centraline meteo IoT per importare dati direttamente dal terreno; inserire tutti i dati relativi alle attrezzature, ai lavoratori, ai fornitori e ai magazzini così da poter elaborare costi e ricavi del lavoro.

Grazie ad “Abaco Farmer R2U”, è possibile, dunque, organizzare una migliore produzione, evitare gli sprechi di acqua e ottimizzare i tempi delle lavorazioni, accrescere la sicurezza dei prodotti coltivati mediante il supporto per il dosaggio ottimale degli agrofarmaci. E infine consultare i dati e le analisi raccolti nel corso delle stagioni e avviare per il futuro un processo decisionale maggiormente informato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori