AGROALIMENTARE/ Lavori in corso per il più grande city hub italiano

- Manuela Falchero

Ai nastri di partenza Foody2025, un polo di attrazione per operatori italiani ed esteri della filiera agroalimentare, e vetrina dell’eccellenza made in Italy

Pomodori ortomercato lapresse1280 640x300
(LaPresse)

Nuovi passi avanti per Foody2025, il progetto che consentirà a Milano di ospitare il più importante city hub agroalimentare italiano. Un’iniziativa ambiziosa che intende realizzare un polo di attrazione per aziende e professionisti italiani e internazionali della filiera agroalimentare e un punto di riferimento della tradizione e dell’eccellenza del Made in Italy nel mondo.

E’ stata infatti più che positiva la risposta al bando dedicato al rinnovamento del Mercato Ortofrutticolo di Milano, uno dei pilastri del progetto. Il bando, riservato ai titolari di punti di vendita, era stato lanciato per l’assegnazione di 204 pdv che si renderanno disponibili grazie alla costruzione di due nuovi padiglioni e che saranno destinati ad aggiungersi agli attuali 240. Ebbene, i numeri parlano chiaro: risultano pervenute 100 istanze, di cui 96 ammissibili (pari a oltre il 90% degli operatori) con un totale stimato di richieste di circa 200 punti di vendita.

“L’ampia risposta a questo bando da parte dei titolari di punti di vendita – ha dichiarato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala – testimonia la convinta adesione degli operatori a questo grande progetto per Milano. Il percorso di realizzazione del Nuovo Mercato, nonostante le difficoltà causate dalla pandemia, sta andando avanti e presto segnerà un’altra tappa fondamentale con l’assegnazione dei lavori del Padiglione Ortofrutta. Foody2025 è una delle eredità di questa amministrazione che ha lavorato intensamente in Giunta, in Consiglio e con il coinvolgimento di tutti gli uffici, per renderla possibile”.

Il rinnovamento del Mercato Ortofrutticolo non coinvolgerà però soltanto i titolari di punti di vendita. E’ infatti già prevista anche la pubblicazione di un bando riservato al Consorzio produttori ortofrutticoli e ai produttori che operano attualmente nella struttura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA