Alba Parietti/ “Alberto Genovese frequentato ad una cena, Dio osannato dalla corte”

- Davide Giancristofaro Alberti

La descrizione di Alberto Genovese da parte di Alba Parietti: i due si sono frequentati durante una cena. Ecco le sue parole a Storie Italiane

Alba Parietti sorriso lapresse 2020 640x300
Alba Parietti (LaPresse)

Alba Parietti ha raccontato negli studi di Storie Italiane, programma di Rai Uno, la sua esperienza con Alberto Genovese, l’imprenditore 43enne che è stato arrestato negli scorsi giorni con le gravissime accuse di violenza sessuale su una 18enne. Il noto personaggio televisivo ha spiegato in diretta tv: “Lo conosco e l’ho frequentato per un paio di cene, la situazione era di un uomo non ricco ma ricchissimo, considerato dagli amici come un Dio, con un delirio di onnipotenza e una serie di comportamenti di conseguenza: aveva una ‘corte’ a sua disposizione, questo signore pagava per tutti, aveva un enorme generosità verso la corte, donne e uomini che fossero, era adorato e venerato da queste persone il suo comportamento era di ‘Io ho potere su tutti, pago per tutti’”.

ALBA PARIETTI: “ALBERTO GENOVESE IL TIPICO NARCISISTA”

Alba Parietti si è immediatamente staccata da questa persona: “A me lo ha reso subito antipatico fin da subito senza sapere quello che c’era dietro. Le feste di cui parlate – ha proseguito – venivano postate ovunque fra Ibiza, Formentera, Milano, senza alcun pudore, ci si domandava come mai un uomo così geniale e importante, molto lucido negli affari, avesse una sua vita in cui appariva il bambino viziato, il piccolo principe a cui tutto viene concesso, con tutta la corte a disposizione. Io, nonostante non avessi un’opinione positiva, non ci sarei mai arrivata”. Alba Parietti ha avuto amiche che frequentavano Genovese, stando al suo racconto: “Avevo amiche e conoscenti che lo frequentavano, io ho smesso di frequentare l’amica; era la madre di una di queste ragazze che frequentava ed ho deciso di chiudere il rapporto per sempre in tempi non sospetti”. E ancora: “Lui comprava tutto, non mi piaceva come si comportava. In questo unico incontro durante una vacanza a Courmayeur dove aveva preso una casa in affitto, mi diceva che mi adorava; a me fa impressione leggere di bodyguard alla porta, c’erano come minimo sempre una ventina di persone alle feste. lui faceva anche donazioni, non si faceva mancare nulla”. La Parietti ha concluso: “Lui è un uomo super intelligente, super manipolatore e super affascinante, come tutti i narcisisti a questi livelli”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA