Alba Parietti/ Scontro a viso aperto Matteo Salvini: “Lei è un bugiardo showman”

- Emanuela Longo

Alba Parietti rivela di avere avuto un tumore al collo dell’utero all’età di 37 anni: l’appello rivolto a Emma Marrone ed il messaggio di forza

alba parietti 2019 italia si
Alba Parietti

Alba Parietti insiste e attacca Matteo Salvini a Live Non è la D’Urso. “Quando lei era in carica ci sono stati sbarchi fantasma, la gente non capisce di quel che si sta parlando e applaudono come niente. Il nemico Salvini non sa nemmeno cosa sia”, sbotta ancora Alba Parietti. “I miei nemici sono i trafficanti di essere umani, io non voglio essere complice. Nel nostro paese si entra se si ha il permesso altrimenti niente” ribadisce ancora una volta il leader della Lega. “I rifugiati politici veri sono trattati coi guanti”, precisa ulteriormente Matteo Salvini. Che insiste: “Quelle poche risorse a disposizione vanno destinate prima agli italiani, se permettete”. Riprende parola Alba Parietti: “Parliamo di tasse e di poltrone signor Salvini. Lei dice che gli altri fanno gli inciuci ma è i primo a farlo. Lei ha deciso di sfasciare il governo in piena estate. E’ un bugiardo showman”. (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

Alba Parietti vs Matteo Salvini

Alba Parietti è sul piede di guerra con Matteo Salvini a Live Non è la d’Urso. L’opinionista di Barbara D’Urso è “incavolata nera” secondo la conduttrice ed è pronta a metterlo in difficoltà, a differenza di Asia Argento che ha fallito miseramente nel suo intento. “Lei è uno straordinario showman, è una faccia rubata allo schermo. Lei è sempre in televisione, la invitano sempre così come la invitavano a sedere nelle poltrone del Parlamento invece era al Papeete Beach”. La Parietti è un fiume in piena: “La trova incoerente e incongruente, lei dice molte bugie. Lei ha esibito dei bambini, alcuni bambini evidentemente sono più uguali di altri”. Il duello si infiamma, Matteo Salvini risponde per le rime: “Le colpe sono sempre e solo di un padre. Non prendetevela coi bambini. E l’Italia non è razzista, non diciamo fandonie. Ad una ragazza è stato negato un affitto perché meridionale? Chi l’ha fatto è un cretino”. Sul tema immigrazione la Parietti attacca: “Sono realmente diminuiti? Sono arrivate seimila persone e tutto è sfuggito dal suo controllo”. (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

Alba Parietti ospite a Live Non è la D’Urso

Alba Parietti sarà oggi a Live Non è la d’Urso, la trasmissione condotta da Barbara d’Urso nella prima serata di Canale 5. Nei giorni scorsi, la nota conduttrice ed opinionista ha scritto un lungo post Instagram rivolgendosi ad Emma Marrone dopo il suo annuncio shock in cui la giovane cantante salentina annunciava al suo ampio pubblico il necessario stop che da lunedì la vedrà momentaneamente allontanarsi dalle scene per problemi di salite. Problemi che, evidentemente, Emma si porta dietro da molto e con i quali ora spera di chiudere definitivamente i conti rimasti in sospeso. Problemi al momento senza un nome ufficiale ai quali però proprio la Parietti ha voluto trovare il coraggio di farlo, forse, al posto di Emma. “Emma, davvero forza, davvero ti sono vicina, davvero come tante donne ci sono passata e so, esattamente cosa si prova”, ha esordito, prima di rivelare di aver avuto anche lei un tumore all’età di 37 anni, quasi la stessa della cantante di Aradeo. “Ho avuto una neoplasia grave a 37 anni al collo dell’utero, sono stata operata d’urgenza”, ha rivelato. Importante, nel suo caso, la solerzia del suo ginecologo e di Jessica “che mi costrinse con dolcezza a sottopormi a un’accurata prevenzione”.

ALBA PARIETTI E IL TUMORE A 37 ANNI

Quello che in passato colpì Alba Parietti è lo stesso che all’età di 24 anni ha colpito Emma Marrone, ora in pausa dalla musica per potersi prendere cura di sé. “Non lo dissi né ai miei genitori né a mio figlio per non spaventarli. Ho risolto senza grandi traumi”, ha raccontato Alba Parietti nel suo lungo post Instagram in cui oggi invita Emma ad essere esempio per le tante donne che continuano a lottare. “Ma la diagnosi fu atroce da sentire: cancro. Sì, il suo nome era cancro generato dalla degenerazione del papilloma virus. Quando ti pronuncia questa parola il medico, tu pensi non stia parlando di te o a te. Invece accade. Esiste per tutti la possibilità. Esistono anche cure portentose, operazioni, terapie risolutive come lo è stato nel mio caso grazie a una prevenzione e un’immediatezza che avevo di operarmi, pagando”, ha aggiunto la Parietti. Il suo racconto è servito in particolare a dare coraggio alla giovane artista ma anche a tutte quelle donne che stanno conducendo la medesima battaglia. Poi, rivolgendosi ancora ad Emma ha chiosato: “Il senso della tua malattia sarà la tua battaglia perché tutte le donne abbiano eguali diritti , rispetto a prevenzioni e cure”. Questa sera intanto la ritroveremo nuovamente nel ruolo di opinionista a Live Non è la d’Urso, pronta a sedere in una delle temute sfere insieme – tra le altre – ad Asia Argento e Iva Zanicchi, pronte a porre le loro domande all’ospite Matteo Salvini.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Cara Emma, davvero forza , davvero ti sono vicina , davvero come tante donne ci sono passata e so , esattamente cosa si prova. Emma hai fatto tante battaglie , rischiando di tuo , mettendoci la faccia e anche questa volta sarai un esempio di coraggio. Il coraggio di chiamare le cose che possono accadere con il nome che hanno. Il coraggio di dire che siamo in mano al destino e siamo solo esseri umani fragili e vulnerabili come tutti e tutte . Il coraggio di fare e dare coraggio , di poter dire che davanti alla malattia , alla vita alla morte, al dolore , alla gioia all’amore siamo tutti uguali. Ho avuto una neoplasia grave a 37 anni al collo dell’utero , sono stata operata d’urgenza , grazie alla solerzia del mio ginecologo e Jessica che mi costrinse con dolcezza a sottopormi ad un’accurata prevenzione Il giorno dell’operazione arrivarono tutte le mie amiche , una “compagnia barbarica “, riuscimmo persino a riderci su .Non lo dissi ne ai miei genitori ne a mio figlio per non spaventarli . Ho risolto senza grandi traumi . Ma la diagnosi fu atroce da sentire : Cancro il suo nome era cancro, tra parentesi generato dalla degenerazione del papilloma virus. Quando ti pronuncia questa parola il medico, tu pensi non stia parlando di te o a te. Invece accade. Esiste per tutti la possibilità. Esistono anche cure portentose, operazioni, terapie risolutive come lo è stato nel mio caso grazie a una prevenzione e un’immediatezza che avevo di operarmi , pagando , che dobbiamo pretendere e ottenere per tutte come un diritto alla vita e alla salute gratuitamente . Tu sei un emblema di forza , di capacità di comunicare con coraggio. Le cose brutte devono avere un senso. Il senso della tua malattia sarà la tua battaglia perche tutte le donne abbiano eguali diritti , rispetto a prevenzioni e cure. Forza Emma forza donne ….Ci sono , ci siamo passate in tante molte hanno vinto alcune no è proprio per quelle dobbiamo far sentire la nostra voce , che garantisca a tutte uguali possibilità di cure, ripeto di prevenzione e rispetto per la propria salute e dignità @real_brown

Un post condiviso da Alba Parietti Officialpage (@albaparietti) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA