Alba Parietti “Sono il mio fantasma”/ “Quarantena chiusa in camera senza mai..”

- Hedda Hopper

Alba Parietti torna sui social per parlare di quello che sta succedendo in questo periodo ma non all’esterno della casa ma dentro di lei ammettendo di essersi riscoperta più forte e fragile

Alba Parietti
La showgirl Alba Parietti
Pubblicità

Alba Parietti continua ad essere presente sui social talvolta pubblicando foto che la vedono impegnata in tv, naturalmente foto di repertorio, altre volte che la ritraggono tra le sbarre della finestra di casa sua. Alba Parietti continua ad essere vicina ai fan in questo periodo di quarantena obbligata e sui social qualche ora fa ha voluto pubblicare un altro lungo post in cui spiega che, proprio come tutti, sta leggendo tanto, sta pensando e riguardando anche vecchi film che aveva già visto, ma poi ammette anche di aver smesso di guardarsi allo specchio lasciando andare la sua esteriorità e concentrandosi su qualcosa di più importante, la sua anima in una “convivenza con se stessa” che la sta portando a capire alcune cose di lei e apprezzarne altre. In particolare, Alba Parietti ammette: “Sinceramente pensavo di trovarmi peggio da sola con me, con i miei pensieri, con i miei ricordi , con le mie malinconie…Mi sono scoperta , più forte , granitica , più tenera, più fragile , più spirituale , più curiosa degli altri. Non mi sono praticamente mai guardata allo specchio”.

Pubblicità

ALBA PARIETTI RACCONTA LA SUA QUARANTENA TRA PENSIERI PROFONDI E SPERANZE

In questo periodo di reclusione in casa Alba Parietti è convinta che in molti stanno usando la loro immaginazione per volare all’esterno della loro camera quasi come a voler rompere queste catene invisibili che tutti stiamo portando e poi conclude che si sente come se fosse il suo fantasma, una persona che sa bene di vivere su una nave che sta affondando e per questo si è sempre goduta la vita al massimo anche con tutto il suo dolore: “Non mi serve molto per vivere , mi piace vivere comunque. La vita ti abitua e ci si abitua , si vede oltre solo se sai vedere la sofferenza, solo così apprezzi fino in fondo ciò che hai…Perché comunque sia senti che dentro quello che provi ti farà capire come trovarti oltre questa vita . Oltre la morte. Ci sono da anni . Da quando mia madre se ne è andata io sono un po’ di la . Per questo tutto mi attraversa e nulla mi stravolge. Sono il mio fantasma”.

Ecco il suo post integrale:

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Pubblicità

La convivenza con me stessa . Sinceramente pensavo di trovarmi peggio da sola con me, con i miei pensieri, con i miei ricordi , con le mie malinconie. In questi giorni nonostante la presenza di Francesco e Sally per evitare qualsiasi forma di contagio , essendo usciti a turno e avendo sentito parlare di asintomatici ,per ulteriore sicurezza ho vissuto , sempre chiusa in camera mia , tranne per mangiare . Mi sono scoperta , più forte , granitica , più tenera, più fragile , più spirituale , più curiosa degli altri. Non mi sono praticamente mai guardata allo specchio . Ho visto tanti film che avevo visto, letto tanti libri , studiato, mi sono iscritta a un corso d’inglese e oggi mi sono trovata a parlare in una lezione comunitaria con persone di cui sentivo solo la voce . Parlavano inglese male come me, ma chi con l’accento cinese, francese, italiano, rumeno , brasiliano ognuno sbagliava con il suo accento e si presentava. L’insegnante era sudafricano o almeno chiamava da lì. Io provavo a immaginare le facce, le loro vite , qualcuno parlava di coronavirus, altri asscoltavano , incuriositi , forse un po’ spaventati. Sembriamo profughi senza volto ma con la voglia di vivere , di conoscere. Come non vedenti , forse stiamo imparando a vedere oltre la nostra stanza con l’immaginazione. La voglia di ascoltare, mi piace ascoltare pochissimo parlare. Mi piace cucinare, vedere mio figlio e finalmente parlare senza litigare. Mi piace capire che potrei vivere così come Emily , perché anche mia madre viveva sola e viaggiava con il cuore e con l’immaginazione. Non mi serve molto per vivere , mi piace vivere comunque. La vita ti abitua e ci si abitua , si vede oltre solo se sai vedere la sofferenza, solo così apprezzi fino in fondo ciò che hai. L’ho sempre saputo che eravamo su una nave che affondava, in fondo non sono stupita , mi sono goduta tutta la vita anche il dolore l’ho vissuto sempre fino in fondo. Perché comunque sia senti che dentro quello che provi ti farà capire come trovarti oltre questa vita . Oltre la morte. Ci sono da anni . Da quando mia madre se ne è andata io sono un po’ di la . Per questo tutto mi attraversa e nulla mi stravolge. Sono il mio fantasma

Un post condiviso da Alba Parietti Officialpage (@albaparietti) in data:



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità