Alberto Salerno, marito Mara Maionchi/ “Una vita insieme tra palco e realtà”

- Hedda Hopper

Alberto Salerno, chi è il marito Mara Maionchi e che lavoro fa? Paroliere e produttore musicale: “Una vita insieme tra palco e realtà”

mara maionchi alberto salerno min 640x300
Mara Maionchi e Alberto Salerno - Foto Instagram

Alberto Salerno, chi è il marito Mara Maionchi e che lavoro fa?

Alcuni lo conoscono semplicemente come Alberto Salerno, altri ancora come Manipoli, lo pseudonimo che spesso ha usato per firmare i suoi brani, altri ancora, invece, come il marito di Mara Maionchi. In tutti i casi si tratta della stessa persona, il paroliere e produttore italiano nato a Milano nel 1949. E’ lui la penna dietro al successo di Io vagabondo, incisa dai Nomadi, ma anche dietro a quello di Terra promessa di Eros Ramazzotti o Donne di Zucchero Fornaciari, per la gioia di chi fruisce della nostra musica italiana e anche un po’ della moglie con la quale condivide la sua vita ormai dal 1976, l’anno in cui si sono sposati. Dal loro matrimonio sono nate due figlie: Giulia e Margherita ma anche due nipoti ovvero Niccolò, figlio della prima, e Mirtilla, della seconda.

Una vita di successi dietro le quinte della musica

Figlio d’arte, il padre era il paroliere Nicola Salerno, Alberto ha subito respirato la musica tant’è che a 18 anni aveva già firmato un brano storico della nostra tradizione, Avevo un cuore di Mino Reitano. La consacrazione arriva con Io Vagabondo dei Nomadi mentre la prima vittoria all’Ariston va in scena con Bella da morire, interpretata dagli Homo Sapiens, proprio l’anno dopo il suo matrimonio con Mara Maionchi. Ha scritto poi per Eros Ramazzotti, per Gianni Morandi ma anche per Zucchero, Cristiano de Andrè e Marcella Bella, ma il connubio che più soddisfazioni gli ha regalato è stato quello con Mango investe di autore e di produttore. Dalla loro collaborazione sono nati ben cinque album mentre negli ultimi anni si sta dando da fare per correre in aiuto dei giovani talenti con Music on Stage e l’Officina di Musica e Parole.



© RIPRODUZIONE RISERVATA