Alena Seredova/ “Alessandro Nasi? Se mi chiedesse di sposarlo direi di sì!”

- Valentina Gambino

Alena Seredova parla della ritrovata serenità tra le braccia del compagno Alessandro Nasi: e se lui le chiedesse di sposarlo? La risposta sarebbe positiva!

alena seredova 2018 instagram
Alena Seredova

Dopo la separazione da Gigi Buffon, padre dei suoi figli, per Alena Seredova c’è un’altra vita ormai da tempo. Oggi la showgirl è felice tra le braccia di Alessandro Nasi, manager della Fiat: “È meraviglioso e mi sostiene: ha sempre avuto tantissima pazienza e siamo riusciti a creare qualcosa di magico”, racconta tra le pagine di Diva e Donna. E quando le viene chiesto del matrimonio, lei non sembra tirarsi indietro: “Se arrivasse la proposta… magari direi di sì”. Nel frattempo, anche Gigi continua a vivere il suo idillio d’amore con Ilaria D’Amico. La Seredova ha compiuto da poco 41 anni e accanto a lei, il manager è riuscito a farle tornare il sorriso e la voglia d’amare. Dopo la separazione aveva passato un periodo molto duro ma, grazie alla pazienza e alla perseveranza di Alessandro, è riuscita a innamorarsi di nuovo e ora è una donna felice e pronta a rimettersi in gioco, magari anche grazie alle nozze. Per l’ex di Buffon, l’affetto dei due figli, è stato anche il vero motore per potere ricominciare appieno: “Averli mi ha aiutata e spronata!”.

Alena Seredova parla del compagno Alessandro Nasi

Alena Seredova, tra le pagine di Diva e Donna, parla del compagno Alessandro, apostrofandolo come un uomo meraviglioso: “Mi sostiene, mi rispetta, mi aiuta a star bene ed essere felice”. La luce che traspare dai suoi occhi è davvero una fonte di gioia e felicità interiore: “e sono felice che si veda anche all’esterno”, confida. Successivamente, la showgirl racconta della pazienza avuta dal compagno, prima di riuscire ad entrare nel suo cuore: “ha capito che avevo bisogno dei miei spazi e dei miei tempi per poter “mollare il freno a mano”. Non ha spinto sull’acceleratore e ha aspettato che io fossi davvero pronta per fare il suo primo passo”. La sua arma vincente è stata quindi la perseveranza, ma anche la costante presenza nella sua vita, ma senza mai essere invadente: “Ha saputo aspettare con grande intelligenza”. E il sogno dell’abito bianco, non è comunque una priorità: “Cosa più importante è che in questo momento stiamo davvero bene, stiamo costruendo una bellissima famiglia e siamo riusciti a creare qualcosa di unico e magico”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA