Alessandra Amoroso: “Sì al Ddl Zan”/ “Non ho più il fidanzato, adesso sono single”

- Rossella Pastore

Alessandra Amoroso ospite di Mara Venier a Domenica in: “La storia con il mio fidanzato è finita, oggi sono single e sto bene con me stessa”

Alessandra Amoroso
La cantante Alessandra Amoroso

Alessandra Amoroso è intervenuta nel pomeriggio di oggi, domenica 2 maggio 2021, in qualità di ospite a Domenica In, trasmissione di Rai Uno condotta da Mara Venier. La cantante ha iniziato la sua intervista parlando della sua vittoria ad Amici nel 2009: “Maria De Filippi per me è sempre stata una mamma molto tenera, mi ha capito, mi ha ascoltato. Durante l’anno nella scuola ho avuto molti bassi per le critiche ricevute. Poi, oltretutto, eravamo in una situazione di convivenza forzata con gli altri ragazzi, dunque si trattava di gestire diverse personalità”.

Quest’estate Alessandra tornerà nel suo Salento a trovare i suoi genitori e la sua nipotina Andrea (“Amo quella bambina, non so come definire questo sentimento spropositato che ho nei suoi confronti. Me la coccolo, me la sbaciucchio”), poi si aggregherà al tour di Emma, sua grande amica, con la quale ha dato vita a un sodalizio artistico che le ha portate a incidere singoli insieme e a esibirsi spesso sullo stesso palco. Sogno di maternità? “Ad oggi non me lo chiedo. Vivo alla giornata, quello che sarà domani sarà. Non ho più il fidanzato, siamo arrivati a un punto in cui è finito l’amore. Sono single”. Infine, un riferimento al Ddl Zan: “Bisogna approvare la legge Zan, che tutela i diritti delle persone. La discriminazione non può esistere, abbiamo tutti gli stessi diritti, ci dobbiamo rispettare e soprattutto dobbiamo essere tutti vivi per poi avere un bel sorriso tutti quanti. C’è bisogno di tanto amore”. (aggiornamento di Alessandro Nidi)

Alessandra Amoroso: “Ho paura del buio”

S’intitola Sorriso grande il nuovo singolo di Alessandra Amoroso, la cantante originaria di Galatina (Lecce) che oggi sarà ospite di Mara Venier a Domenica in. Probabilmente, nel corso della puntata, ci sarà spazio anche per un’esibizione, oltre che per il racconto della sua vita attuale caratterizzata da diversi successi ottenuti sia sul piano artistico che su quello personale. Per esempio, ultimamente, Alessandra ha superato alcune sue paure e anche la sua insicurezza, due sentimenti che l’hanno accompagnata durante lo scorso lockdown. “Ho avuto paura del buio e della solitudine, l’assenza della famiglia e degli amici mi ha spento, l’interruttore delle emozioni era su off”, ha dichiarato la Amoroso in un’intervista rilasciata al Corriere a inizio aprile. Alessandra è stata male (per uscirne, ha fatto addirittura ricorso a un analista), ma non userebbe la parola ‘depressione’: “No, ma in quel periodo ho fatto i conti con me stessa e ho preso coraggio. E alla fine quelle emozioni sono diventate amiche, lo stare da sola mi ha aiutata a raccogliere i pensieri e a guardarmi dentro. È stato un percorso interiore che dovevo fare per comprendere la mia persona”.

Alessandra Amoroso: “Una volta ero molto autocritica”

Il periodo passato in solitudine ha restituito ad Alessandra Amoroso una nuova consapevolezza: “Sono sempre stata il limite di me stessa”, sostiene adesso la cantante. “Mi davo regole, pensavo sempre che non ce l’avrei fatta, che non meritavo quello che avevo, mi riempivo di autocritiche, mi violentavo psicologicamente. Ho messo un punto e ho voltato pagina. Adesso so chi sono”. La svolta – prosegue – è arrivata il 5 maggio, quando è tornata a Lecce e ha ritrovato la sua famiglia. Inoltre, nel Salento, c’erano i suoi ‘fratelloni’ Boomdabash, anche loro parti della sua ‘famiglia artistica’ insieme ad Emma Marrone. Questo incontro è stato in un certo senso terapeutico: “Mi sono riacchiappata”, afferma Alessandra.

Alessandra Amoroso parla della sua fobia

Nel corso dell’intervista, Alessandra Amoroso parla di sé a trecentosessanta gradi. Come non aveva mai fatto prima, forse: apprendiamo che per anni ha sofferto di una fobia irrazionale, la paura del buio, e che solo adesso è riuscita a superarla: “Da bambina – racconta – ho sempre dormito con una sorella. Prima con Francesca, la maggiore, poi quando è cresciuta e ha avuto la sua stanza sono passata con Marianna, la piccola. Ero la fifona di famiglia, mi facevano paura le ombre, avevo sempre la lampadina accesa. Solo adesso ho smesso di accendere la luce se vado in bagno di notte”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA