Alessandra Appiano “non è morta suicida”/ Il marito: “Gesto volontario? Era malata”

- Silvana Palazzo

Alessandra Appiano “non è morta suicida”. Il marito Nanni Delbecchi torna a parlare della sua morte: “Gesto volontario? Era malata”. E racconta il suo anno di dolore…

alessandra_appiano_2
Alessandra Appiano

Nanni Delbecchi torna a parlare della moglie Alessandra Appiano e lo fa anche interrogandosi sul suicidio sulle colonne del Fatto Quotidiano. Il giornalista e scrittore dopo la morte della compagna non aveva voluto rilasciare alcuna dichiarazione pubblica, poi con una lettera struggente l’anno scorso ha rotto il silenzio. Ora ricorda quei terribili momenti in cui ha scoperto che la moglie se ne era andata per sempre. La sua vita è cambiata il 3 giugno 2018, quando alle 11 del mattino la polizia lo chiama dandogli un indirizzo al quale deve recarsi. Lui era convinto che la moglie fosse in ospedale, visto che era ricoverata nel reparto Psichiatria 1-Disturbi dell’umore al San Raffaele Turro. Uscita per un caffè, è stata trovata morta 400 metri dopo l’ospedale, all’Hotel Plaza Ramada. «È stata vista cadere dal solarium dell’ottavo piano». Così è cominciata quella che lui definisce “vita da survivor”. La prima cosa che ha fatto è comunicare ai medici dell’ospedale che la moglie era morta. In Rete si è subito diffusa la notizia del suicidio. «Io dubito che si possa parlare di gesto volontario in senso stretto. Non tutti i suicidi lo sono». E cita Albert Camus, secondo cui “il suicidio è il gesto più lucido che un essere umano possa compiere”.

ALESSANDRA APPIANO “NON È MORTA SUICIDA”

Alessandra Appiano si è suicidata, ma per il marito Nanni Delbecchi quello della moglie non è stato un gesto volontario. «Negli ultimi mesi non era più lei, la violenta crisi maniaco-depressiva l’aveva resa irriconoscibile prima di tutti a se stessa», ha scritto sulle colonne del Fatto Quotidiano. Il giornalista si chiede dove sia la volontà in una donna che scappa da un reparto psichiatrico dopo aver assunto la terapia per gettarsi nel vuoto un quarto d’ora dopo aver scritto via sms al marito di andare a trovarla alle 12. La giornalista e autrice tv soffriva di crisi depressive sin da ragazza. La terapeuta di famiglia non era bastata, così le medicine. “Ho l’inferno dentro”, diceva al marito. “Non tornerò più quella di prima”, gli ripeteva. Da qui il ricovero al San Raffaele Turro. «Ogni giorno mia moglie mi dice di sentirsi sempre peggio». Il 30 maggio, quando Alessandra Appiano compie 59 anni, chiede di essere dimessa perché non regge più il ricovero. La psichiatra che l’ha in cura dissente. Quattro giorni dopo il suicidio. Un anno dopo Nanni Delbecchi non riesce ad accettare il fatto che quel suicidio sia stato un gesto volontario della moglie. «Un gesto che contraddice il suo attaccamento alla vita, la sua disciplina, il suo culto della salute e del proprio corpo».

NANNI DELBECCHI: “GESTO VOLONTARIO? ERA MALATA”

Nanni Delbecchi nel suo articolo ha parlato anche del procedimento penale contro ignoti aperto dalla Procura dopo il suicidio di Alessandra Appiano. Dopo varie peripezie individua lo psichiatra forense Stefano Ferracuti, professore di Psicologia Clinica presso l’Università Sapienza. Lo nomina a sue spese consulente tecnico affinché valuti l’eventuale presenza di profili di responsabilità professionale sulla base della cartella clinica, del diario infermieristico e della relazione tossicologica. Gli viene poi notificata la richiesta di archiviazione. Con il suo avvocato il giornalista decide di fare ricorso, chiedendo chiarezza sull’applicazione dei protocolli anti suicidio dell’ospedale e ribadendo che la moglie raggiunse indisturbata un albergo a 400 metri di distanza dall’ospedale. Cercando il cellulare della moglie, scopre che non era stato acquisito dalla Procura, ma era stato consegnato all’Ufficio oggetti rinvenuti del Comune. Fa trascrivere a sue spese i messaggi che si erano scambiati, deposita tutto. Tra l’altro «il “lieve miglioramento” degli ultimi giorni, cui si fa riferimento sempre in cartella, stride sia con la mia diretta esperienza, sia con alcuni, gravi episodi registrati nel diario infermieristico e non valutati». Delbecchi ritiene che Alessandra Appiano sia «morta di malattia», non per suicidio. «Non sta a me decidere se esistano responsabilità, e quali, ma so che Alessandra non voleva morire, e che l’estremo tentativo di ritornare alla vita si è rivelato fatale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA