ALLERTA METEO ARANCIONE LOMBARDIA/ Previsioni, in Piemonte si fa la conta dei danni

- Davide Giancristofaro Alberti

Allerta meteo arancione Lombardia, previsioni. Il governatore del Piemonte, Alberto Cirio: “Danni rilevantissimi”

maltempo liguria tw
Maltempo (immagine repertorio)

Continua ad essere molto critica la situazione in Piemonte a causa del maltempo, ma fortunatamente sono state ritrovate le due persone disperse da qualche ora. Niente da fare invece per l’autista 52enne partito dall’aeroporto di Genova, deceduto dopo che la sua auto è stata travolta da un’ondata di fango e acqua in quel di Capriata d’Orba. Poco prima di morire l’uomo aveva telefonato all’azienda per cui lavorava, spiegando di vedere acqua dappertutto: “Gli abbiamo chiesto di mettersi in salvo – le parole dei titolari della ditta, come riferisce TgCom24.it – poi il nulla…”. Intanto ha parlato il presidente della regione Piemonte, Alberto Cirio, che al termine del vertice sull’emergenza nell’alessandrino ha spiegato: “La stima dei danni e’ ancora in corso ma è evidente che sono rilevantissimi. E’ una situazione drammatica che affrontiamo con l’orgoglio dei piemontesi, ma chiedendo allo Stato di fare la sua parte. La presenza del Capo della protezione civile, a meno di 24 ore dal fenomeno, è la prova che siamo fiduciosi che questo avverrà”. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

ALLERTA METEO ARANCIONE LOMBARDIA: LE PREVISIONI

Meteo pazzo a ottobre. Dopo i record dell’anno scorso, tornano in questo mese le temperature alte e con esse il rischio di piogge alluvionali, come dimostrano i temporali delle ultime ore. Se il Nord Est si trova protetto sotto l’anticiclone di blocco, una cappa calda e umida, una depressione porta invece maltempo in Piemonte, Liguria e Lombardia. E infatti il Dipartimento della Protezione Civile ha diramato ieri allerta arancione per la giornata odierna su parte della Lombardia. Gialla invece sul resto, su gran parte di Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta. Il maltempo si abbatte sull’Italia settentrionale, ma solo per pochi giorni. Nel weekend le previsioni meteo parlano di un miglioramento su buona parte del nostro Paese grazie al ritorno di un vasto campo di alta pressione di origine africana. Nel weekend dunque ci sarà un “ruggito” africano che porterà le temperature a salire, fino a toccare picchi anomali per questa stagione. Dunque sabato il sole splenderà quasi ovunque, anche se qualche locale piovasco potrebbe bagnare la costa orientale sarda e i settori ionici siciliani. Ma le temperature sono previste diffusamente in aumento da Il Meteo, e ben oltre le medie di questo periodo. Al Centro Sud si arriverà addirittura a punte di oltre 24-25 gradi. Al Nord bisognerà fare attenzione al ritorno della nebbia in pianura. Limiterà la visibilità in particolare nella notte e nelle prime ore del mattino. Domenica farà ancora caldo con valori termici sopra i 24 gradi soprattutto sul versante tirrenico. (agg. di Silvana Palazzo)

ALLERTA METEO: 540 MM DI PIOGGIA IN POCHE ORE, COME NEL ’94

I numeri riguardanti il maltempo delle ultime ore in Piemonte, ed in particolare in Alessandria, rendono più comprensibile quanto sta accadendo in quella zona dell’Italia. Come riferisce l’edizione online di TgCom24, sono ben 541 i millimetri di pioggia caduti in 48 ore su Gavi, nell’alessandrino, pari a 54 centimetri. Giusto per rendere meglio l’idea dei disagi, basti pensare che durante la disastrosa alluvione del 1994 in Piemonte, che provocò ben 70 morti e danni ingenti, cadde la stessa quantità di pioggia al suolo. Situazione di disagio in Piemonte mentre sembra migliorare l’allerta in Liguria. E’ infatti rientrato il rischio esondazione dello Stura a Rossiglione, in provincia di Genova, come spiegato da Katia Piccardo, il sindaco dello stesso comune ligure: “Abbiamo però sei grosse frane sul territorio. Lo Stura non è esondato, i problemi sono arrivati dai ruscelli laterali, che hanno rovesciato un sacco d’acqua sulla viabilità sia comunale che statale, portando con sè detriti, tronchi d’albero o altro materiale”. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

ALESSANDRIA, MALTEMPO IN PIEMONTE: UN MORTO

L’ondata di maltempo che ha travolto il Piemonte nelle scorse ore, ed in particolare nella provincia di Alessandria, ha provocato anche un morto. Si tratta del tassista che risultava essere disperso da ieri sera, e che purtroppo stamane è stato trovato senza vita dai soccorritori. Il suo corpo è stato rinvenuto a Capriata, in località Villa Carolina, molto probabilmente dopo che l’uomo è rimasto bloccato in auto per via dei numerosi allagamenti verificatisi nelle scorse ore. Il tassista era partito nella giornata di ieri da Genova per condurre un cliente nella zona di Serravalle, come ricorda l’edizione online di TgCom24.it, ma aveva fatto perdere ogni traccia di se. Due invece le persone che risultano disperse, si tratta di due anziani residenti a Mornese, piccolo borgo di circa 700 abitanti del Monferrato.

MALTEMPO IN PIEMONTE: FRANE E BLACKOUT, I DETTAGLI

Alcuni comuni risultato essere isolati in Valle Formazza, per via di uno smottamento verificatosi sulla strada statale 659, precisamente i paesi di Crodo, Premia, Formazza e Baceno. In questa zona, inoltre, è assente l’energia elettrica, sempre a causa della violenta ondata di maltempo. Numerose le frane e gli smottamenti anche nelle province di Novara, Torino, Vercelli e Asti; a Bosio, ad esempio, 700 persone sono rimaste senza acqua ed elettricità, mentre più di 100 persone sono state evacuate in quel di Castelletto d’Orba, Gavi e Casalnoceto. Fortunatamente sta rientrando il livello d’allerta per il fiume Bormida, che aveva superato i nove metri nella notte, per poi calare con il passare delle ore e la diminuzione delle piogge. Come fa sapere la Protezione civile, il capo Angelo Borrelli è in arrivo in questi istanti in Piemonte per fare il punto della situazione: “sta seguendo – fanno sapere – in stretto contatto con le autorità regionali impegnate sul territorio, la situazione creatasi a seguito dell’ondata di maltempo che in queste ore sta investendo le regioni del nord, in particolare il Piemonte”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA