Alessandro Egger, attore House of Gucci/ “Nel film di Ridley Scott sarò un blogger”

- Alessandro Nidi

Alessandro Egger, giovane attore di House of Gucci, ha raccontato ai microfoni di “Trends&Celebrities”, trasmissione di Rtl 102.5 News, la sua esperienza sul set

Fredella e Alessandro Egger 640x300
Francesco Fredella e Alessandro Egger (Trends&Celebrities, Rtl 102.5 News)

Alessandro Egger, attore che ha preso parte alla produzione cinematografica “House of Gucci”, è intervenuto in qualità di ospite nel corso della puntata di oggi, giovedì 16 settembre 2021, di “Trends&Celebrities”, trasmissione di Rtl 102.5 News condotta da Francesco Fredella e Simone Palmieri. Il giovane, che di professione fa anche il modello per alcune celebri griffe del mondo della moda, ha reso noto innanzitutto il suo ruolo nella pellicola di Ridley Scott: “Interpreto un famoso blogger di moda, un blogger professionista. Non posso purtroppo svelare molto, altrimenti si intuisce il film”.

Quando ha saputo di essere stato selezionato per recitare nella produzione hollywoodiana? “Come accade sempre in questi casi, arriva la chiamata quando meno te lo aspetti. Stavo facendo il mio riposino pomeridiano, poi mi sono svegliato e ho letto la mail: ‘Ridley Scott ti vorrebbe fortemente per questo ruolo’. La mia è una parte minore, ma è stato lui stesso, in prima persona, a scrivermi e inviarmi la mail in cui indicava che sceglieva me”. Sul set, il ragazzo di origini serbe non è riuscito a incontrare Lady Gaga, perché in quelle scene non era prevista la sua presenza, però “ho incontrato Adam Driver, era con me in scena, era vicinissimo. Una cosa che mi ha colpito di lui è che rimane nel personaggio, non vuole svagarsi e vedere gente per non uscire dalla parte: il classico metodo Chubbuck, che aiuta a trasformare i problemi e a trasformarli in energia”.

ALESSANDRO EGGER: “SUL SET DI HOUSE OF GUCCI HO PARLATO CON RIDLEY SCOTT”

Alessandro Egger, sempre ai microfoni di Rtl 102.5 News, ha avuto l’onore di conoscere e scambiare due chiacchiere con Ridley Scott, il regista di House of Gucci: “Gli americani sono molto difficili da incontrare, ho dovuto chiedere decine di permessi ai suoi assistenti, i quali, alla fine, mi hanno concesso parlare con lui. Io prima di tutto l’ho ringraziato per l’opportunità datami e gli ho fatto i complimenti. È rimasto incuriosito dalla mia storia, dalla mia nascita a Belgrado, dai miei aneddoti di vita”.

Egger, peraltro, ha reso noto di essere arrivato sul set in uno degli ultimi giorni di riprese: “Ho girato tre scene, quindi si respirava un clima di festa, in quanto la pellicola era in conclusione”. Una grande emozione e un generoso avvio di carriera per il giovane, che ha poi rivelato di non guardare il Grande Fratello Vip: “Non ho la televisione in casa…”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA