Alimenti, guanti, disinfettanti: lockdown, prezzi choc/ Lista supermercati nel mirino

- Emanuela Longo

Aumento dei prezzi durante l’emergenza Coronavirus: l’Antitrust vuole vederci chiaro, avviata una indagine. L’elenco dei supermercati

volontari spesa multati
Lapresse

In relazione all’articolo qui di seguito si specifica che nei confronti di Ce. Di Sigma Campania s.p.a. e delle altre aziende indicate è stata effettuata una semplice richiesta di informazioni senza l’avvio di alcun procedimento istruttorio o sanzionatorio

L’Antitrust vuole vederci chiaro sull’aumento dei prezzi alimentari durante la prima fase dell’emergenza Coronavirus e per questo ha annunciato una “pre-istruttoria” per fare luce su quanto realmente accaduto nei supermercati della grande distribuzione (Gdo), mentre tutti i piccoli esercizi restano chiusi. Con una nota – riferisce Repubblica.it – l’Antitrust ha così annunciato l’avvio di una indagine che l’ha portata a inviare diverse richieste di informazioni a numerosi operatori della Grande Distribuzione al fine di acquisire dati sull’andamento dei prezzi di vendita al dettaglio e dei prezzi di acquisto all’ingrosso riferibili a generi di prima necessità, detergenti, disinfettanti e guanti, questi ultimi molto richiesti nel corso del lockdown. Il sospetto è che si siano verificati fenomeno di sfruttamento dell’emergenza per Coronavirus portando all’aumento dei prezzi. Le richieste di informazioni inviate dall’Autorità della concorrenze e del mercato riguardano oltre 3800 punti vendita soprattutto nell’Italia Centrale e Meridionale. A far scattare in sospetti sarebbero state le analisi preliminari: secondo i dati Istat, a marzo sono emersi aumenti dei prezzi per i prodotti alimentari rispetto ai mesi precedenti differenziati a livello provinciale.

PREZZI CHOC, INDAGINE DELL’ANTITRUST

I maggiori aumenti dei prezzi, ha segnalato ancora l’Autorità, sono stati riscontrati soprattutto in aree non interessate da “zone rosse” o da misure rafforzate di contenimento della mobilità. Non si esclude, a detta di Agcm, che siano stati messi in atto fenomeni speculativi. Infatti, si legge ancora nella nota, “non tutti gli aumenti osservati appaiono immediatamente riconducibili a motivazioni di ordine strutturale, come il maggior peso degli acquisti nei negozi di vicinato, la minore concorrenza tra punti vendita a causa delle limitazioni alla mobilità dei consumatori, le tensioni a livello di offerta causate dal forte aumento della domanda di alcuni beni durante il lockdown e dalle limitazioni alla produzione e ai trasporti indotte dalle misure di contenimento dell’epidemia”. I principali destinatari delle richieste di informazioni, spiega Il Messaggero, sono le seguenti catene di supermercati della Grande Distribuzione (Gdo) e non solo: Carrefour Italia, MD, Lidl, Eurospin, F.lli Arena, alcune cooperative Conad (Conad Sicilia, Conad Nord-Ovest, PAC 2000, Conad Adriatico, nonché Margherita Distribuzione), alcune cooperative e master franchisor Coop (Unicoop Firenze, Unicoop Tirreno, Coop Centro Italia, Coop Liguria, Novacoop, Coop Alleanza 3.0, Tatò Paride), diversi Ce.Di. aderenti a SISA (per esempio SISA Sicilia), SIGMA (per esempio Ce.Di. Sigma Campania) e CRAI (per esempio CRAI Regina).



© RIPRODUZIONE RISERVATA