Amadeus/ “Sanremo 2021? Sarà imprevedibile, non temo le critiche”

- Elisa Porcelluzzi

Amadeus si prepara a condurre, per il secondo anno consecutivo, il Festival di Sanremo, in onda su Rai 1 dal 2 al 6 marzo 2021.

Il conduttore televisivo Amadeus
Il conduttore televisivo Amadeus

Manca meno di una settimana al Festival di Sanremo 2021, condotto per il secondo anno consecutivo da Amadeus. Questa edizione sembra iniziare in salita a causa delle norme anti-Covid che hanno imposto l’assenza di pubblico in sala, i controlli serrati e i primi contagi dietro le quinte. Amadeus, conduttore e direttore artistico, è stato anche criticato per la scelta dei “big” in gara, tanti esclusi famosi e tanti nomi “lontani” dalla kermesse. “Ho aumentato il numero dei cantanti (26, ndr) per dare un segnale di rinascita: dopo un anno molto artisti potranno esibirsi per la prima volta dal vivo con un’orchestra. Nella scelta degli artisti mi sono fatto guidare dalle emozioni che mi trasmettevano le canzoni: per me non conta il cognome di chi le interpreta, ma il segno che mi lasciano dopo averne ascoltate 300”, ha spiegato Amadeus al settimanale Chi.

Amadeus: “Mi piace fare un Sanremo imprevedibile”

Contestata anche la scelta di Amadeus di portare sul palco il calciatore Zlatan Ibrahimović: “Mi piace fare un Sanremo imprevedibile, e l’imprevedibilità è data da Fiorello e dal resto del cast, cerco di non fare la prima cosa che tutti si aspettano”, ha spiegato il conduttore. Qualcuno ha avuto da ridere anche per aver scelto la moglie Giovanna Civitillo, per condurre il “Primafestival”: “Ci si scandalizza della moglie e non dell’amante”. Amadeus e Giovanna fanno coppia dal 2002, quando si conobbero sul set dell’Eredità. Ma le critiche non spaventano il conduttore: “Quando fai un lavoro con onestà, ben vengano le critiche“. Per il secondo anno, Amadeus sarà affiancato dall’amico Fiorello al timone del Festival di Sanremo. Sul palco avrebbe voluto altri amici, come Gerry Scotti o Jovanotti con cui iniziò la carriera a Radio Deejay: “Penso sempre che gli amici sappiano che le porte sono aperte e tendo ad essere timido nel chiedere, perché l’amica è diversa dalla formalità”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA