Amici 21: Luigi Strangis oltre il successo, la malattia/ “Ho ascoltato il mio corpo e…”

- Serena Granato

Luigi Strangis si racconta dopo Amici 21, tra diabete, il rapporto con Maria De Filippi e il rivale Alex: cosa cambia con il successo

Luigi Strangis e Alex Wyse 640x300
Luigi Strangis e Alex Wyse (Foto: web) - Amici 21

Luigi Strangis si racconta dopo Amici 21

Dopo aver conseguito la vittoria assoluta di Amici 21 di Maria De Filippi, Luigi Strangis ha rilasciato un’intervista concessa a Dimmi di te, format condotto da Lorella Cuccarini, in cui si è raccontato come persona e artista. Nell’intervista post-talent show Luigi Strangis esordisce parlando della malattia che lui fronteggia da anni, il diabete: “E’ una malattia che non scegli e dipende come te la vivi. Devi abituarti a vivere con una cosa che non ti aspetti mai ma è una cosa con cui ci si può convivere. A 16 anni ho avuto l’esordio e poi ho iniziato a capire quello che stava succedendo. Ho ascoltato il mio corpo e ho capito cosa potevo fare e cosa no”.

Nonostante la patologia da cui è affetta, Luigi sceglie di impegnare anima e corpo per la sua musica, che è amata da molti, tanto che il suo primo album Strangis è debuttato al rilascio alla #1 nella Top album di FIMI. Nell’intervista, inoltre, il giovane cantante e polistrumentista non si è risparmiato neanche sul conto di Maria De Filippi, che produce e conduce Amici, il talent che ha reso celebre Luigi Strangis: “Maria non so come descriverla. Come fai a descrivere con parole una persona così? Per me è stata una seconda madre che ha dato tanto a me stesso. Ha sempre la parola, descriverla è la cosa più difficile del mondo, non basterebbero mille canzoni. Io la adoro. Riesce ad ascoltare quel poco che dico”.

Luigi e il rapporto con il “rivale” Alex

Inoltre, l’intervistato non lesina dichiarazioni neanche sul conto dell’acerrimo rivale ad Amici 21, Alex al secolo Alessandro Rina, con cui si è trovato a condividere la medesima casa discografica che li tiene sotto contratto, la 21CO: “Con Alex ci sono stati momenti in cui non parlavamo più di tanto ma paradossalmente il non parlare ci ha aiutato a tornare normali, come se nulla fosse. Ci vogliamo bene. Il percorso ci ha portato a stare contro ma non ci siamo lasciati andare. Sbagliamo tutti, ho sbagliato anch’io con lui”. Voci di corridoio, intanto, non escludono una possibile partecipazione di Luigi a Sanremo 2023, anche nell’ipotesi di un duetto con Alex.

Ma qual è stato il momento più buio per il nuovo talento della musica italiana e promessa di Amici 21? “Il momento più difficile è stata la settimana prima della finale  (di Amici, ndr), perchè ho lavorato davvero tanto. Ho cercato di fare tutto e avevo ansia ma mi sono ripreso ed è andata bene. Da piccolo ero un bambino attivo, la musica mi ha sempre accompagnato ma non sono cambiato più di tanto. Ero un ragazzo normale. Ho iniziato a suonare a 3 anni e da è nata la passione per la musica!…. La scrittura è iniziata a 14 anni con una band punk ma poi ho fatto tutto da solo. Ho sempre scritto quello che pensavo. L’album è un pezzo di me, se non tutto me. C’è tanta libertà, ci sono tante emozioni”.

 





© RIPRODUZIONE RISERVATA