AMMAZZA IL PADRE A COLTELLATE E SCAPPA/ Figlio in fuga: è caccia all’uomo

- Dario D'Angelo

26enne marocchino ammazza il padre a coltellate nel parcheggio sotto casa al culmine di una lite furiosa. Figlio in fuga insanguinato e a torso nudo.

militare italiano
Immagine di repertorio (Pixabay, 2018)

Lite finisce in tragedia a Montignoso (Massa), dove un giovane marocchino ammazza il padre a coltellate. Ne dà notizia “La Nazione”, secondo cui i fatti si sarebbero verificati alle ore 22.30 di ieri sera, in via Carlo Sforza, alle Capanne. Da quanto emerso fino a questo momento, i due si trovavano nel parcheggio aperto che dà sulla via quando, per cause ancora in via di accertamento, il 26enne Moassin Buden ha estratto un coltello ed ha colpito ripetutamente il genitore, Abdel Huad Buden, 62 anni. Il giovane si è poi dato alla fuga a a piedi, a torso nudo e insanguinato e le forze dell’ordine non sono state ancora in grado di rintracciarlo. Sul posto, in via Sforza, sono giunte le pattuglie dei carabinieri, della Guardia di Finanza e della polizia, insieme ai Vigili del fuoco: altissima la tensione quando si è diffusa la notizia che l’uomo era ancora a piede libero.

AMMAZZA IL PADRE A COLTELLATE E SCAPPA

E’ una scena agghiacciante quella che i residenti in via Carlo Sforza, alle Capanne: quella di un figlio che ammazza il padre a coltellate. Il 62enne Abdel Huad Buden, all’arrivo dei soccorritori che hanno tentato di strapparlo alla morte, aveva ancora il coltello conficcato nel petto. Per lui non c’è stato nulla da fare nonostante gli sforzi dei sanitari giunti sul posto. Gli inquirenti, una volta ricostruito l’accaduto anche con l’aiuto dei testimoni, hanno dato inizio ad una vera e propria caccia all’uomo, ma la sensazione è che non possa essere andato troppo lontano nelle condizioni in cui era al momento della fuga. I residenti raccontano che la famiglia marocchina – marito, moglie e cinque figli – non fosse nuova a liti violente. Quella di ieri è però sfociata in tragedia. Bisognerà cercare di catturare Moassin Buden per individuare il movente dell’omicidio.



© RIPRODUZIONE RISERVATA