Andrea Pennacchi ricoverato per Covid/ “Attaccato ad una macchina ma respiro”

- Anna Montesano

Andrea Pennacchi, il Pojana di Propaganda live ha annunciato su twitter di essere ricoverato in ospedale a causa del Covid

andrea pennacchi 640x300
Andrea Pennacchi

“So taca na machina ma respiro” Così l’attore Andrea Pennacchi, il Pojana di Propaganda live ha annunciato su twitter di essere ricoverato in ospedale. Stando a quanto riporta Padovaoggi.it, il noto attore ha avvertito i primi sintomi del Covid il 2 gennaio ma è bastato un solo giorno per finire in terapia intensiva, intubato e sedato. Pennacchi ha trascorso circa 10 giorni di grandi difficoltà e ora si trova in rianimazione. È stato lui stesso, attraverso il suo profilo Twitter, in dialetto veneto e con tanta ironia, a comunicarlo ai tantissimi followers che lo seguono, dichiarando di essere sì attaccato ad una macchina ma di respirare ancora. Prima di queste parole, non sono arrivate notizie da parte della famiglia dell’attore che ha preferito mantenere totale riserbo.

Andrea Pennacchi ricoverato, come sta?

Andrea Pennacchi ha fatto comunque sapere di sentirsi meglio: “Sto reimparando a respirare, a camminare persino”. Poi ha tenuto a ringraziare i medici dell’ospedale: “Sono in buonissime mani, un grande grazie ai dottori che mi stanno seguendo”. Se il 2021 non è di certo iniziato bene per l’attore, lo scorso anno gli ha regalato grandissime soddisfazioni nonostante la pandemia. Pennacchi ha interpretato l’investigatore nella serie “Petra” con Paola Cortellesi, cattivo nella produzione Netflix, “Le Belve” e infine padre tradizionalista ne “L’isola delle rose”, sempre per la piattaforma di streaming. Spettacoli che hanno acuito in modo considerevole la sua popolarità in questi mesi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA