Anna Marchesini, malattia e com’è morta/ “Nel dolore sei nudo”, la figlia Virginia…

- Emanuela Longo

Anna Marchesini, l’indimenticabile comica oggi protagonista di Techetechete’: il successo con il Trio e la malattia che l’ha indotta alla morte

Anna Marchesini
Anna Marchesini

Anna Marchesini, chi era: rappresentante della comicità italiana

Non poteva mancare Anna Marchesini nella lista delle “Comiche” che vedremo questa sera nel corso della puntata di Techetechete’. La Marchesini è stata senza dubbio una delle grandi rappresentanti della comicità italiana nonché attrice teatrale, doppiatrice eccellente e bravissima scrittrice. Classe 1953, però, ci ha lasciato molto presto, all’età 62 anni dopo aver a lungo combattuto contro l’artrite reumatoide. La sua è stata una carriera sempre all’insegna dell’intelligenza e dell’ironia che ha avuto il suo picco massimo di popolarità con il famoso Trio.

Con Massimo Lopez e Tullio Solenghi, Anna Marchesini ha vissuto anni di grande splendore artistico, tra il 1982 e fino al 1994, anno dello scioglimento che tuttavia non rappresentò mai la fine del gruppo comico. La sua ultima apparizione alla tv nazionale avvenne nel 2014, durante Che tempo che fa, quando ormai la malattia l’aveva provata sempre di più. La mattina del 30 luglio 2016 si spense dopo vari ricoveri e l’aggravarsi della malattia. Riuscì però, appena pochi giorni prima, ad assistere alla laurea dell’amata figlia.

Anna Marchesini: la malattia ed il suo concetto di dolore

Da ‘mamma leonessa’ a ‘mamma uccella’: questa la metamorfosi di Anna Marchesini agli occhi di sua figlia Virginia prima della sua scomparsa. L’attrice infatti aveva perso ormai molto peso, colpa della malattia che la tormentava da tempo e che ha portato a consumarla. In una intervista di qualche tempo prima, a Vanity Fair, la Marchesini aveva detto: “Non riesco a mettere un etto. Alcuni invecchiano incicciandosi, altri incartapecorendosi. Io ho preso da mamma. Ho il timore di sembrare fragile, ma non lo sono: secondo me a 80 anni sono sulla sedia a rotelle, ma la capoccia quella no, quella non m’abbandona”.

Parlando del dolore, tuttavia, non lo aveva definito come qualcosa di brutto: “È un luogo di verità, nel dolore sei nudo: puoi usare strumenti per coprirlo, ma è un viaggio necessario”, aveva detto. Lei aveva ammesso di non avere più paura di morire: “Del dolore non cerco il senso, ma trovo che in esso – anche nel mio- ci sia una strepitosa quantità di vita”, diceva. In merito alla vita privata, Anna Marchesini sposò nel 1991 Paki Valente e dal loro matrimonio nacque due anni dopo la figlia Virginia. Il loro matrimonio però durò solo fino al 1999, quando ci fu un divorzio che rappresentò anche un distacco nei rapporti familiari molto profondo.





© RIPRODUZIONE RISERVATA