Anselma Dell’Olio, chi è moglie di Giuliano Ferrara/ Un amore discreto e riservato

- Mirko Bompiani

Anselma Dell’Olio, chi è la moglie di Giuliano Ferrara: giornalista, critica cinematografica e anche regista, una vita nel mondo dell’arte

anselma dell'olio
(Storie italiane)

Anselma Dell’Olio, pseudonimo di Selma Jean Dell’Olio, è la moglie di Giuliano Ferrara, il celebre cronista colpito da un infarto nella serata di ieri, giovedì 27 gennaio 2022. Giornalista, critica cinematografica e regista, l’80enne è una figura molto nota nel mondo del cinema e negli ultimi anni ha regalato ai cinefili alcune pellicole degne di nota.

L’amore tra Anselma Dell’Olio e Giuliano Ferrara va avanti da 35 anni ed è più forte che mai. Un rapporto vissuto lontano dai riflettori dei media, in grande armonia e grande affetto. I due si sono sposati nel 1987 e non hanno avuto figli. Una relazione trasportata, seppur per poco, anche sul piccolo schermo: nel 1992 infatti hanno condotto una puntata dello show “Lezioni d’amore”, poi sospeso dopo dieci giorni a causa delle pressioni della Democrazia Cristiana.

Anselma Dell’Olio, chi è la moglie di Giuliano Ferrara

Nata a Los Angeles, Anselma Dell’Olio è una cittadina statunitense e naturalizzata italiana. Nata da padre di origini pugliesi e immigrato negli States, è arrivata in Italia per la prima volta all’età di 13 anni. Nota per le sue posizioni femministe e protagonista di grandi battaglie per i diritti civili, la giornalista è nota al pubblico del piccolo schermo per il suo ruolo di opinionista nel programma “Cinematografo” di Gigi Marzullo e ha collaborato nel corso degli anni con diverse testate giornalistiche: da Il Foglio a Grazia, passando per Liberal.

Tra i numerosi incarichi, ricordiamo la nomina nel 2014 a membro della commissione ministeriale del MiBAC per assegnare i contributi ai film d’interesse. Come già evidenziato in precedenza, Anselma Dell’Olio è anche un’apprezzata cineasta: nel 2018 ha vinto il David di Donatello per il miglior documentario con “La lucida follia di Marco Ferreri”, mentre nel 2020 è arrivato in sala il suo “Fellini degli spiriti”, dedicato al grande regista di Rimini nell’anno del centenario.





© RIPRODUZIONE RISERVATA