Anthony Hopkins, vincitore Oscar Miglior attore protagonista/ Seconda statuetta

- Elisa Porcelluzzi

Anthony Hopkins ha vinto il premio come Miglior attore protagonista agli Oscar 2021 per la sua interpretazione in “The Father”: seconda statuetta per lui

Anthony Hopkins The Father YouTube 640x300
Anthony Hopkins in "The Father" (YouTube)

Anthony Hopkins, a sorpresa (talmente tanto a sorpresa che non si è neppure recato alla cerimonia di consegna del premio, ndr), si è aggiudicato l’Oscar 2021 come Miglior attore protagonista per la sua recitazione nel lungometraggio “The Father”. La conquista della statuetta, avvenuta a 83 anni, rappresenta un vero e proprio primato per Hopkins, che è divenuto così l’attore più anziano ad avere mai vinto un Oscar, migliorando il record di Christopher Plummer, il quale aveva solo 82 anni quando nel 2012 vinse per la sua interpretazione in “Beginners”. Plummer, tuttavia, ricevette poi una nomination all’età di 88 anni per “Tutti i soldi del mondo”, che contribuì a renderlo la persona più anziana a essere nominata in qualsiasi categoria di recitazione.

Si tratta della seconda vittoria di Anthony Hopkins agli Oscar come Miglior attore protagonista; infatti, com’è risaputo, nel 1992 ha conquistato la sua prima statuetta per il suo ruolo di Hannibal Lecter in “Il silenzio degli innocenti”, di Jonathan Demme. In tutto, ha ricevuto sei nomination, per “Silence”, “The Father”, “The Remains of the Day”, “Nixon”, “The Two Popes” e “Amistad”. (aggiornamento di Alessandro Nidi)

Anthony Hopkins vince l’Oscar 2021 come Miglior attore protagonista

Anthony Hopkins si aggiudica il premio come Miglior attore protagonista agli Oscar 2021 con The Father. “Buongiorno a tutti, sono nel mio Galles e non mi aspettavo davvero questa vittoria. Sono molto grato all’Academy. Voglio rendere un tributo a Chadwick Boseman che ci è stato portato via troppo presto, e ancora una volta, grazie mille a tutti. Non me lo aspettavo davvero, quindi mi sento molto privilegiato e onorato. Grazie” è stato il discorso dell’attore per ringraziare dopo aver scoperto di aver vinto il primo premio. Hopkins, infatti, non ha partecipato alla cerimonia: non era mai capitato negli ultimi anni che il vincitore come miglior attore protagonista fosse assente dal palcoscenico. L’attore, però, ha pubblicato un breve video dalla sua casa in Galles lasciando intendere il motivo della sua assenza: per lui la vittoria era totalmente inaspettata. Il suo premio è stato ritirato da Joaquin Phoenix, che ha annunciato il vincitore. Inoltre, Anthony nel suo discorso ha voluto ricordare il grande favorito, Chadwick Boseman, scomparso nel 2020, che era candidato per Ma Rainey’s Black Bottom. (Agg. di Camilla Dalloco)

Anthony Hopkins, candidato come miglior attore protagonista agli Oscar 2021

Anthony Hopkins è tra i candidati agli Oscar 2021 come Migliore attore protagonista per la sua sua interpretazione nel film “The Father – Nulla è come sembra”. Per l’attore britannico si tratta della quinta candidatura agli Oscar, dopo “Quel che resta del giorno” nel 1993, “Gli intrighi del potere – Nixon” nel 1995, “Amistad” nel 1997 e “I due papi” nel 2019. Nel 1992 Hopkins ha vinto il suo primo Oscar come Migliore attore protagonista per “Il silenzio degli innocenti”, di Jonathan Demme, in cui interpreta lo psichiatra cannibale Hannibal Lecter. Nel film “The Father – Nulla è come sembra”, diretto da Florian Zeller, l’attore interpreta Anthony, un anziano signore affetto da demenza senile che dimentica costantemente gli eventi importanti della sua vita e dove sono le cose nel suo appartamento.

Anthony Hopkins: affronta la demenza senile nel film “The father”

Nel film “The Father – Nulla è come sembraAnthony Hopkins è affiancato da Olivia Colman, attrice inglese nota per aver interpretato la regina Elisabetta II nella serie “The Crown” e per aver vinto l’Oscar come migliore attrice protagonista nel 2019 per la sua interpretazione nel film “La favorita”. Il film è l’adattamento cinematografico della pièce teatrale “Il padre” del regista Florian Zeller, già portata sullo schermo da Philippe Le Guay in “Florida” con Jean Rochefort nel 2015. Anthony, il protagonista, cerca di dare un senso alla sua vita mentre la memoria si fa sempre più labiale e la sua mente non riesce più a riconoscere la realtà dai ricordi. Si tratta di un soggetto molto personale per il regista, che da ragazzino ha vissuto con la nonna malata di demenza senile. Il film ha ricevuto un totale di 6 nomination agli Oscar 2021, compresa quella di Hopkins, tra cui Miglior Film e Migliore attrice non protagonista a Olivia Colman.

© RIPRODUZIONE RISERVATA