Arretrati bollo auto/ Dettagli su pignoramenti e comunicazioni di ritardi

- Danilo Aurilio

Come vengono gestiti gli arretrati del bollo auto dagli enti di competenza. Qualora si superi una determinata somma di debito, si potrà agire con il pignoramento della casa

agenzia entrate tasse
(LaPresse)

A chi non paga gli arretrati del bollo auto, la cosa certa è che si rischi il fermo amministrativo del proprio mezzo. Se successivamente a questo, si continua a non pagare si passano a dei provvedimenti più seri.

Anche se il bollo auto è la passa meno sopportata dagli italiani, pagarla è un dovere. Qualora il pagamento non venisse effettuato, è possibile procedere tramite pignoramento dei beni personali come: casa, stipendio e pensione per recuperare il credito dovuto.

Arretrati bollo auto: le tempistiche da rispettare

Per tutte le persone che hanno degli arretrati bollo auto, riceverà prima di tutto un avviso di ritardo da parte della Regione. Il medesimo invita al cittadino a mettersi in regola nel tempo sottoscritto (pagando anche una sanzione e degli interessi oltre alla tassa dovuta).

Se neanche dopo l’avviso il cittadino risolve con il pagamento, in quel caso subentra anche l’Agenzia delle Entrate-Riscossione. Quest’ultimo invita la cartella di pagamento laddove c’è scritto al suo interno di pagare entro 60 giorni, a cui bisogna aggiungere la sanzione (aumentata) e gli interessi.

Quando il cittadino, dopo questo ulteriore avviso, non paga nemmeno la cifra indicata, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha il diritto di procedere con interventi esecutivi. In questo caso si parla del fermo amministrativo del mezzo e il pignoramento per il recupero del credito dovuto.

Come accennato a inizio articolo, il pignoramento potrebbe comprendere anche beni mobili, stipendi e pensioni. Qualora l’importo dovuto è tanto alto, si procederà con il pignoramento della casa. Stiamo parlando di debiti di bollo auto superiori a 30.000 euro, quindi una circostanza molto rara.

Per mettere in chiaro ogni situazione, ricordiamo che esiste anche la presceizione del bollo auto che ha un limite di tre anni. Portando un esempio pratico, qualora il bollo auto scade nel 2022, si prescrive entro la fine dell’anno 2025. Così come il 31 dicembre, si precscrive quello del 2019.







© RIPRODUZIONE RISERVATA