Asia Bibi “legge blasfemia è giusta ma se ne abusa”/ “Colpa non di Dio ma del mondo”

- Paolo Vites

Asia Bibi in una intervista dichiara che la legge sulla blasfemia è una legge giusta “ma la gente ne abusa in Pakistan. La colpa non è di Dio”

AsiaBibi oggi 640x300
Asia Bibi con la giornalista francese che l'ha aiutata a scrivere il suo libro

Asia Bibi difende la legge sulla blasfemia (“è una buona legge, ma la gente ne abusa”) in Pakistan, che quasi le è costata la vita e dieci anni di carcere. Lo dice in una intervista pubblicata lo scorso 31 agosto al sito Voice of America Urdu. Parole scioccanti che hanno provocato lo stupore di tutti coloro che conoscono la sua tragica vicenda (venne condannata a morte per aver insultato Maometto, secondo le accuse di alcune sue compagne di lavoro; in realtà avrebbe bevuto dalla stessa fonte d’acqua ma i cristiani per i musulmani sono considerati persone infette). In particolare Asia Bibi disconosce del tutto e rifiuta di essere associata all’autobiografia che sta per uscire, scritta dalla giornalista francese Anne-Isabelle Tollet, che le è stata vicina quando era in carcere e che è l’unica al mondo ad averla intervistata dopo la liberazione: “Non sono stato coinvolto nella sua stesura. Non so quando l’ha scritto, di chi è la storia e chi l’ha guidata per il libro. Non sono assolutamente d’accordo con questo libro perché non è la mia autobiografia”. Poi difende strenuamente il Pakistan: “Il libro racconta che la legge mi ha messo un cappio al collo. La legge non l’ha fatto. È stato un incidente nel villaggio quando la gente stava per uccidermi senza motivo. Lei (Tollett) ha incolpato la legge, ma io non dico nulla contro la legge o il mio paese “. Più avanti dice che, anche se la legge sulla blasfemia è giusta, viene usata in modo sbagliato (cosa che in effetti è vera, i cristiani vengono accusati per rubare loro case e possedimenti).

LE POLEMICHE

“Se le persone incolpano, alla persona deve essere data la possibilità di dire la verità. Assolutamente, la legge è buona, ma la gente la abusa. Se Dio lo permette, tornerò nel mio paese. La colpa è del mondo, non di Dio. Le persone possono dire quello che pensano. Non sono d’accordo con loro. Ho imparato moltissima pazienza come madre lontano dai miei figli “. Asia Bibi dalla liberazione vive in una località segreta in Canada perché molti pachistani alla sua liberazione hanno giurato che l’avrebbero cercata per ucciderla. Le dichiarazioni della donna sembrano dettate dalla paura, un tentativo di dissociarsi solo esternamente per non essere perseguitata. Molte le polemiche. Il pastore Justin Bhatti di Karachi ha condannato la recente dichiarazione di Bibi: “Ha pugnalato alle spalle leader della chiesa, martiri e difensori dei diritti umani. L’intervista è stata costruita. Si scontra con le sue precedenti dichiarazioni. Ha dimenticato chi ha distrutto la sua famiglia. La legge sulla blasfemia è sbagliata e la colpa è della società “. Nadeem Bhatti, membro fondatore del Fronte di liberazione cristiano del Pakistan, ha condannato l’affermazione “pericolosa” di Bibi: “Bibi ha detto agli Stati Uniti che la legge sulla blasfemia è giusta. Le agenzie statali le stanno dando da mangiare. Sono stati spesi miliardi per la sua libertà. Ha dimenticato tutto. Continueremo a chiedere riforme e abolizione della legge sulla blasfemia ”, ha detto Nadeem Bhatti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA