AstraZeneca, Germania vieta vaccino a over 65/ Esperti contrari “Il siero funziona”

- Davide Giancristofaro Alberti

La decisione della Germania di vietare il vaccino AstraZeneca agli over 65 non trova concordi molti scienziati: facciamo il punto della situazione

Recovery Fund
Angela Merkel (LaPresse)

Ha fatto il giro del mondo la notizia della decisione della Germania di vietare il vaccino AstraZeneca agli over 65. Stando a quanto specificato dal governo tedesco, la risposta è semplice, ed è stata fornito dal Robert Koch Institute, l’agenzia tedesca per il controllo delle malattie: “Non ci sono dati sufficienti per valutare l’efficacia della vaccinazione sopra i 65 anni”.

L’Rki fa probabilmente riferimento ad uno studio pubblicato l’anno scorso su Lancet da parte di alcuni ricercatori, che all’epoca spiegavano come non vi fossero abbastanza anziani testabili: “Non è stato possibile valutare l’efficacia del vaccino nei gruppi di età più avanzata, ma sarà determinata, se saranno disponibili dati sufficienti, in un’analisi futura dopo che si saranno accumulati più casi”. A riguardo, il professor Andy Pollard dell’università di Oxford ha aggiunto, in merito al vaccino di AstraZeneca: “Nelle nostre prove gli anziani sono stati reclutati più tardi e, poiché sono stati reclutati più tardi, c’è stato meno tempo per verificare i casi”

GERMANIA VIETA ASTRAZENECA AGLI OVER 65: I NUMEROSI PARERI CONTRARI

Il Guardian, uno dei più autorevoli tabloid d’oltre Manica, ha comunque cercato di mettere un po’ di ordine, rispondendo ad alcuni quesiti, a cominciare dalla domanda chiave: il vaccino funzionerà sugli anziani? Il giornale replica: “È importante sottolineare – le parole di Simon Clarke, professore associato di microbiologia cellulare presso l’Università di Reading – che questa non è una prova che il vaccino non funziona, ma semplicemente che le prove attualmente non esistono per soddisfare le autorità tedesche”. A proposito AstraZeneca ha fatto sapere che il 100% degli anziani sottoposti al vaccino hanno generato anticorpi contro il covid dopo la seconda dose: “Abbiamo visto buone risposte immunitarie negli anziani sani nello studio di fase 2 – ha aggiunto il professor Pollard – e l’MHRA ha esaminato ulteriori dati sulla risposta immunitaria nello studio di fase 3”. Proprio l’MHRA, l’agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito, ha fatto sapere che non vi sono evidenze circa la mancata protezione nelle persone over 55 del vaccino di AstraZeneca, affermando che “I dati preliminari di efficacia negli anziani supportano l’importanza di questo vaccino per l’uso in questa popolazione”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA