Attacco piattaforma Jennifer/ Su Rete 4 il film con Roger Moore (oggi, 16 giugno)

- Matteo Fantozzi

Attacco piattaforma Jennifer in onda su Rete 4 oggi, 16 giugno, a partire dalle ore 15:00. Nel cast Roger Moore, James Mason, Anthony Perkins, Michael Parks, David Hedison e Jack Watson

attacco piattaforma jennifer 2019 film
Attacco piattaforma Jennifer

Attacco piattaforma Jennifer arricchirà la programmazione televisiva di Rete 4 oggi, 16 giugno 2019, a partire dalle ore 15:00. Si tratta di una pellicola che è stata realizzata in Gran Bretagna nel 1980 con la regia di Andrew V. McLaglen con soggetto e sceneggiatura che sono stati ideati e sviluppati da Jack Davies. Il ruolo di direttore della fotografia è stato affidato a Tony Imi, il montaggio è stato eseguito da Alan Strachan mentre le musiche della colonna sonora sono state composte da Michael J. Lewis. Nel cast di questa pellicola sono presenti diversi attori piuttosto famosi anche a livello internazionale come nel caso di Roger Moore, James Mason, Anthony Perkins, Michael Parks, David Hedison, Jack Watson e George Baker.

Attacco piattaforma Jennifer, la trama del film

Diamo uno sguardo alla trama di Attacco piattaforma Jennifer. Ci troviamo in Gran Bretagna verso la fine degli anni 70 con alle spalle un lungo periodo in cui se dovuto fare i conti con una costante minaccia bellica dovuta alle tensioni tra le forze militari occidentali e quelle vicine al regime sovietico. Prevedendo che ben presto la situazione potesse sfociare in un conflitto di proporzioni mai viste sulla faccia della terra un ricco imprenditore scozzese decide di addestrare formare un gruppo di militari pronti a qualsiasi genere di intervento e di particolare moto abili nell’eseguire azioni sott’acqua. Un giorno alcuni fanatici che fanno parte di un gruppo terroristico decidono di attaccare in due piattaforme petrolifere di proprietà del governo inglese allo scopo di ottenere dei benefici di natura economica. Non appena preso il controllo con la forza delle tue piattaforme petrolifere dislocate nel Mar del Nord viene palesata la richiesta di un ingente riscatto che praticamente mette sotto scacco il governo di Londra. Il primo ministro inglese dopo aver consultato tutto i principali organi politici e quelli militari decide di non voler sottostare al ricatto e quindi cercare un’azione sottotraccia che potesse permettere di riprendere il controllo delle postazioni e allo stesso tempo consegnare alla giustizia i malviventi.

Non avendo tra le proprie fila, militari in grado di effettuare questo genere di azione in alto mare il governo inglese decide di contattare l’imprenditore scozzese ben sapendo quello che ha fatto nel corso degli anni ossia allestire una squadra specializzata proprio in questo genere di condizioni ambientali. Sarà quindi compito dell’imprenditore scozzese e dei suoi uomini per progettare un intervento di natura militare per riuscire a riprendere il controllo delle piattaforme petrolifere e allo stesso tempo evitare che si possono essere ha portato i danni alle stesse in quanto ci sarebbero conseguenze nefaste di livello ambientale. Una missione dunque particolarmente delicata che presenterà numerose difficoltà e non erano stato messe in conto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA