Attico Gucci venduto a magnate indiano Rishal Shah/ Tra suoi clienti AstraZeneca

- Alessandro Nidi

Attico Gucci in piazza San Babila a Milano venduto a un magnate indiano del settore farmaceutico: l’avrebbe pagato 20 milioni di euro

attico Gucci 640x300
Attico Gucci (Web, 2021)

Continua a fare parlare di sé il caso Gucci, riportato in auge dal film “House of Gucci” (girato in questi giorni sul lago di Como e avente come protagonista Lady Gaga) e dalla notizia della vendita del super attico dove per anni Maurizio Gucci visse al fianco della moglie Patrizia Reggiani, ubicato a Milano, in piazza San Babila. Si tratta di un alloggio paradisiaco, abbarbicato tra il nono, il decimo e l’undicesimo piano della palazzina. Consta di trentasette vetrate, dalle quali è possibile dominare dall’alto l’intero capoluogo lombardo ed è dotato di giardino pensile e di piscina, con una superficie complessiva di 1.800 metri quadrati.

Qui i coniugi trascorsero un periodo d’amore insieme, prima di traslocare in via Palestro e, soprattutto, prima che le cose tra di loro cominciassero a precipitare; in primis, com’è noto, la coppia divorziò nel 1992 e poco tempo dopo Maurizio Gucci venne assassinato, con la Giustizia italiana che ha riconosciuto nella moglie Patrizia la mandante di quell’efferato delitto, attorno al quale oggi ruota il lungometraggio hollywoodiano a cui facevamo riferimento sopra.

ATTICO GUCCI VENDUTO A MAGNATE INDIANO

L’attico che fu dei coniugi Gucci, come dicevamo, è stato quindi venduto poco prima di finire all’asta al magnate indiano Rishal Shah, proprietario della Jekson Vision, società specializzata nel controllo e nell’ispezione dei farmaci e che, grazie anche alle sue numerose sedi in India, Stati Uniti d’America, Inghilterra, Russia, Malta e Germania, può vantare clienti di assoluto prestigio internazionale, come AstraZeneca, Sanofi e Novartis, aziende leader nel campo farmaceutico. Il quotidiano “Il Corriere della Sera” ha approfondito la vicenda della vendita dell’attico Gucci intervistando l’avvocato Giuseppe La Scala, il quale ha seguito da vicino tutti i passaggi connessi alla vicenda giudiziaria che ha interessato l’immobile: “L’acquirente – ha affermato il legale – si è presentato da solo senza neanche l’intermediazione di un agente immobiliare. Ha saputo della casa grazie al tam tam delle sue amicizie e ha fatto l’offerta per quella che diventerà la sua abitazione (si parla di 20 milioni di euro, ndr)”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA