Aurelio de Laurentiis: “Gattuso non ha voluto Ibrahimovic al Napoli”/ “Mi disse…”

- Carmine Massimo Balsamo

Il retroscena del presidente del Napoli, Aurelio de Laurentiis, sulla trattativa con Zlatan Ibrahimovic. Poi su Spalletti…

aurelio de laurentiis
Napoli, il presidente Aurelio De Laurentiis (LaPresse, 2019)

Dal retroscena su Zlatan Ibrahimovic al rapporto con Carlo Ancelotti e Luciano Spalletti, Aurelio de Laurentiis a tutto tondo ai microfoni di Dazn. Il patron del Napoli ha rilasciato alcune dichiarazioni particolarmente scottanti, destinate a tracciare un solco sulla piazza partenopea. Sia su ciò è stato, sia su ciò che sarà…

Come dicevamo, Aurelio de Laurentiis ha rivelato di aver già chiuso l’acquisto di Ibrahimovic prima dell’intervento di Gattuso: “Avevamo già firmato tutto con Zlatan. L’accordo c’era. Poi venne esonerato Ancelotti e al suo posto arrivò Gattuso. Mi disse: “Si fidi di me, non abbiamo bisogno di lui perchè…”. E io mi fidai”.

AURELIO DE LAURENTIIS TRA PASSATO, PRESENTE E FUTURO

Nell’intervista rilasciata a Dazn, Aurelio de Laurentiis ha parlato del futuro del Napoli e in particolare del destino di Luciano Spalletti. Il presidente partenopeo ha spiegato di aver scelto il tecnico di Certaldo a gennaio 2021, rivelando: “Andai a Milano di nascosto a casa sua, gli feci firmare il biennale più un’opzione per il terzo anno a mio favore. Poi quando e se vorrà andare via, ci daremo la mano e non succederà niente”.

Aurelio de Laurentiis ha definito “cazzate” le polemiche sulla questione mentale che avrebbe bloccato il Napoli. Per il patron azzurro il fattore psicologico è certamente importante, ma non è tutto: “Non posso pensare che ci possa essere una mosca che improvvisamente crei un problema a 25-30 calciatori di altissimo livello. Mi sembra assurdo”. Aurelio de Laurentiis si è poi soffermato sul legame con Carlo Ancelotti: “È un fuoriclasse che ha avuto solo la sfortuna di non essere simpatico ai tifosi napoletani. Non ha avuto la furbizia di rendersi tale, non è stato visto come uno dei nostri dalle curve”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA