Auto travolge famiglia musulmana in Canada: 4 morti/ La polizia: “Odio religioso”

- Alessandro Nidi

Attentato in Canada, famiglia musulmana travolta e uccisa da un’auto guidata da un ventenne. Un solo superstite: si tratta di un bimbo di nove anni, in gravi condizioni

canada_toronto_polizia_sparatoria_lapresse_2018
Polizia canadese (LaPresse)

Dramma in Canada: un’auto guidata da un ventenne ha travolto una famiglia musulmana a London, nella regione dell’Ontario. Il nucleo familiare, composto da cinque membri, è deceduto nell’impatto, eccezion fatta per un bambino di soli nove anni, che si trova attualmente ricoverato in gravi condizioni in ospedale. Tutti gli altri, tre adulti e una ragazza, sono morti: si tratta, in particolare, di una donna di 74 anni, di un uomo di 46, di un’altra donna di 44 anni e di una giovane di 15 anni. Il sospetto rischia quattro capi di imputazione per omicidio di primo grado.

La polizia riferisce che si tratta di un attentato, in quanto, anche se il killer non conosceva le vittime, le avrebbe prese di mira con il suo pick-up in quanto musulmane. Steve Williams, capo della polizia, ha dichiarato alla Cbc quanto segue: “Le vittime di questo orribile attacco sono state prese di mira per la loro fede islamica. L’autore dell’attentato, Nathaniel Velman, è stato incriminato per i quattro omicidi e per un tentato omicidio”. Tuttavia, la polizia pensa possa anche essere incriminato per terrorismo.

ATTENTATO IN CANADA, UCCISA FAMIGLIA MUSULMANA

In merito all’attentato avvenuto in Canada e nel quale ha perso la vita una famiglia musulmana, si apprende che il ventenne alla guida dell’auto è stato fermato dalle forze dell’ordine a sette chilometri di distanza dalle strisce pedonali sulle quali si è compiuto il vile massacro, definito dal detective Paul Waight “un attacco motivato da odio”. Nell’ambito della conferenza stampa, ripresa dal sito della Cbc, il capo della polizia ha spiegato che non è stata ancora dimostrata l’eventuale appartenenza dell’attentatore a qualche gruppo estremista, aggiungendo poi che il giovane non ha precedenti penali. Quando è finito in manette, il ventenne indossava un giubbotto che sembrava essere corazzato: possibile dunque che l’omicidio fosse stato premeditato anche se apparentemente lui non conosceva le persone che ha travolto con il suo veicolo? Le indagini potranno fornire ulteriore risposte in tal senso.

Attentato in Canada: auto uccide famiglia musulmana/ 4 morti, bimbo di 9 anni ferito

Auto travolge famiglia musulmana in Canada: 4 morti/ La polizia: “È un attentato”

© RIPRODUZIONE RISERVATA